Bowers&Wilkins PX, le prime Noise Cancelling del marchio inglese: la nostra recensione

Bowers&Wilkins PX, le prime Noise Cancelling del marchio inglese: la nostra recensione

È sempre difficile affrontare la recensione di un prodotto come le cuffie wireless Bluetooth Bowers&Wilkins PX. Esteticamente, nella loro livrea Oro/Blu, sono forse le cuffie più belle in circolazione. L'elevato livello delle finiture, unito al nome che hanno inciso sui padiglioni portano le aspettative davvero in alto. La cancellazione dei rumori è praticamente perfetta, ma alcune scelte costruttive per isolare dai rumori e per l'uso in mobilità potrebbero lasciare perplessi gli audiofili più esigenti

di Roberto Colombo pubblicato il nel canale Audio Video
Bowers & Wilkins
 

Bowers&Wilkins PX: le prime con Noise Cancelling

Ci sono cuffie che rendono evidenti le proprie qualità già dalla prima nota riprodotta. Avevamo inserito in questa schiera le Bowers & Wilkins P9 Signature in occasione della nostra recensione, che le aveva viste al fianco delle sorelle P7 Wireless, dedicate all'utilizzo in mobilità. Trovate l'articolo e il relativo video a questo indirizzo. In esso dicevo chiaramente che alle B&W P7 Wireless mancava solo una caratteristica per essere le perfette cuffie da viaggio: la presenza della funzionalità di cancellazione dei rumori esterni.

La truppa delle cuffie dotate di Noise Cancelling è andata negli ultimi tempi espandendosi, venendo incontro all'accresciuta richiesta del mercato. Anche il marchio inglese Bowers & Wilkins ha quindi deciso - probabilmente dopo simili sottolineature in merito alle P7 Wireless da parte di utenti ed esperti - di scendere nell'arena delle cuffie ANC (Active Noise Cancelling) con le sue B&W PX. L'annuncio, come avevamo riportato in questa notizia, è di poco più di un mese fa, ma abbiamo avuto la possibilità di provare in anteprima uno dei primi sample disponibili in Italia. O meglio, due dei primi sample disponibili in Italia, in quanto il primo non è risultato del tutto convincente e, confrontato con un secondo esemplare, ha dimostrato di non essere del tutto 'riuscito al meglio'. Questo è il motivo per cui nel video vedete le cuffie in entrambe le livree, la più classica Space Grey e la particolare Soft Gold, che unisce alle tonalità dell'oro quelle del blu scuro.

Partiamo proprio dall'estetica e dal primo impatto visivo con le cuffie. I materiali sono molto curati e ai particolari con finitura metallica si uniscono quelli in tessuto sui padiglioni e nella parte superiore dell'archetto. Archetto e cuscinetti sono coperti da una morbidissima pelle nera, decisamente di qualità al tatto. Toccando i cuscinetti dei padiglioni si nota subito un particolare che distingue queste PX dalle B&W provate in precedenza: sotto la morbida pelle si percepisce chiaramente un'anima più rigida. Emerge quindi una costruzione molto diversa rispetto alle P7 e soprattutto alle P9, probabilmente orientata a offrire un'isolamento passivo dai rumori esterni più efficace. Torneremo in seguito su questo particolare nella sezione dedicata all'ascolto delle cuffie, perché la scelta costruttiva influenza in modo netto il suono. Come già visto sui modelli precedenti i cuscinetti dei padiglioni sono staccabili e tenuti in sede per via magnetica. La lunghezza dell'archetto è regolabile in modo continuo e i padiglioni hanno un buon grado di libertà di rotazione: in un senso arrivano ad appiattirsi per un più facile trasporto.

All'uopo Bowers&Wilkins offre in confezione la stessa custodia semirigida in tessuto a chiusura magnetica già vista sulle P7 Wireless. Pur non essendo protettiva come una custodia rigida, offre una costruzione rinforzata ed è certamente più efficace nel proteggere le cuffie rispetto a un semplice sacchetto in tessuto, con il vantaggio di poter essere ripiegata e appiattita quando non in uso - al contrario delle custodie rigide che occupano spazio anche quando sono vuote. La borsa integra all'interno una tasca con cerniera per lo stoccaggio dei cavi: in confezione troviamo quello audio jack-jack da 3,5mm e quello USB-USB Type-C per la connessione al computer. La batteria è integrata e non rimovibile. Quando collegati i due cavi non disturbano in modo eccessivo l'ascolto, poiché non generano fruscii o vibrazioni in cuffia, come avevamo già avuto modo di notare sulle P7 Wireless. Sempre in tema di vibrazioni, le cuffie trasmettono poco all'orecchio quelle esterne, ad esempio se ci si appoggia al sedile o alla parete dell'aereo. La costruzione è ben studiata da punto di vista ergonomico e anche se ci si appoggia con la testa da qualche parte le cuffie non si spostano e non lasciano trapelare suoni dall'esterno, come invece avevamo notato sulle (pur ottime sotto tutti gli altri punti di vista) Sony MDR-1000X, che al momento - soprattutto nella loro seconda incarnazione WH-1000XM2 presentata a IFA - restano il riferimento tra le cuffie noise cancelling.

Le PX - naturalmente - sono delle cuffie wireless dotate di connettività Bluetooth: in particolare troviamo la versione Bluetooth 4.1 con protocollo aptX-HD, studiato da Qualcomm per supportare flussi audio 48kHz/24bit LPCM senza fili. Le cuffie offrono comandi sul padiglione destro per l'accensione, l'attivazione della funzione Noise Cancelling, la gestione del volume e dell'avanzamento dei brani. Trattandosi di cuffie Bluetooth possono essere utilizzate per le chiamate telefoniche, offrendo in questo frangente un supporto che si va a posizionare nella media del settore in quanto a qualità, con una buona chiarezza in cuffia in ascolto e una trasmissione decente della nostra voce all'altro capo della telefonata. Il comportamento durante le chiamate telefoniche è simile a quello dimostrato dalla concorrenza Sony, Bose, Sennheiser e Parrot, che - come vedremo in una delle prossime recensioni (stay tuned!) - vede sul mercato un concorrente decisamente più performante nell'uso prettamente telefonico.

A livello costruttivo le Bowers&Wilkins PX utilizzano trasduttori full range da 40mm: il marchio britannico nella presentazione ha dichiarato che si tratta di driver derivati da quelli delle top di gamma P9 Signature. Il dato tecnico della misura e dell'impedenza (22 Ohm) sembrerebbe confermarlo, ma le prestazioni non sono le stesse: lo dice l'ascolto, ma anche la stessa scheda tecnica che, alla voce 'Risposta in frequenza' vede valori decisamente differenti. Le PX dichiarano 10Hz-20kHz, mentre le P9 Signature fanno segnare valori di 2Hz-30kHz. Parlando di impedenza il valore contenuto permette a qualsiasi dispositivo mobile di pilotare le PX in modo corretto. Anche su questo tema torneremo a breve. Il resto della scheda tecnica parla di senbilità pari a 111dB/V a 1KHz e di distorsione inferiore allo 0,3% (1KHz/10mW). Le cuffie pesano 335 grammi e integrano una batteria da 850mAh che offre autonomia compresa tra 22 ore (BT/ANC on) e 50 ore (ascolto cablato senza noise cancelling). Visto che abbiamo citato il peso, parliamo dell'ergonomia: le PX si indossano comodamente anche per lunghi periodi di ascolto, anche se alla lunga a qualcuno potrebbe dare leggermente fastidio l'anima rigida dei cuscinetti dei padiglioni; le cuffie restano ben salde in testa anche durante i movimenti e quindi sono utilizzabili anche in mobilità senza problemi e senza il pericolo che cadano se si fa uno scatto per prendere al volo il bus. Le PX integrano sensori per riconoscere quando vengono indossate o tolte, fermando e riattivando la riproduzione musicale senza dover agire su nessun comando: si tratta di una caratteristica ormai imprescindibile su questo tipo di dispositivo, molto utile anche per mandare automaticamente in standby le cuffie quando non in uso e risparmiare batteria. Decisamente fatta bene l'app che dimostra un funzionamento lineare, senza intoppi e un'interfaccia semplice, ma con tutti gli strumenti necessari.

Due sono gli aspetti fondamentali su cui giudicare delle cuffie noise cancelling: l'abilità nel filtrare i rumori esterni e la qualità audio. Partiamo dal primo punto di vista. Le Bowers&Wilkins PX ci hanno stupito sul fronte della cancellazione del rumore con un comportamento davvero eccellente. Rumori a frequenza fissa, come quello del treno e dell'aereo, vengono eliminati e portati a un livello quasi impercettibile. Discorso simile per il brusio della folla, ma estendibile anche a rumori meno ripetitivi, come voci più vicine, passaggi di carrelli e valigie e simili. Le B&W PX creano una vera e propria bolla di silenzio a un livello tale che per qualcuno potrebbe addirittura essere fastidioso. Qui, però, entra in gioco un'altra funzionalità che il marchio inglese ha implementato in modo eccellente: la quantità di isolamento è regolabile via app in termini di eliminazione del rumore ed eventuale enfatizzazione delle voci. Il profilo 'Aereo' elimina tutti i rumori; quello 'Ufficio' toglie rumori di fondo e brusio, ma lascia passare le voci dei colleghi; quello 'Città' reintroduce i suoni esterni, per evitare - ad esempio - di finire sotto il tram perché non lo si è sentito arrivare. Uno dei tasti sul padiglione destro permette di accendere e spegnere la funzione ANC senza passare dall'app, ma qui segnaliamo una piccola pecca (che però B&W può teoricamente risolvere via aggiornamento firmware): il tasto permette solo il comando ON-OFF e non dà la possibilità di scegliere il profilo senza passare dall'app. Sarebbe stato più comodo avere anche la possibilità di modificare il profilo: se salite sull'aereo e avevate impostato il profilo 'Città' sulle cuffie, nel momento in cui disconnettete il cellulare non potete modificarlo e mettere quello a cancellazione totale dalle cuffie.

Per quanto riguarda invece la qualità audio, trovandoci al cospetto di un paio di cuffie con inciso il logo Bowers & Wilkins le aspettative erano decisamente alte, forse fin troppo alte per un paio di cuffie che fa dell'ascolto in mobilità il suo terreno d'elezione. Per apprezzare al meglio la qualità ci vuole l'ambiente adatto e un treno o un aereo in movimento non rientrano certo ai primi posti in una ipotetica classifica. Per muoversi al meglio in questo campo, soprattutto contando che anche i compagni di viaggio spesso saranno rappresentati da smartphone (e non da sistemi audio di qualità, magari con amplificatori dedicati), B&W ha fatto alcune scelte progettuali che separano in modo netto queste PX dalle cuffie come P9 Signature. Abbiamo già parlato della costruzione studiata per fornire un buon isolamento passivo (necessario affinché anche quello attivo possa funzionare al meglio) che porta le cuffie a suonare in modo meno cristallino delle sorelle top di gamma. I tecnici B&W hanno poi fatto una scelta di campo che in molti (noi della redazione compresi) troveranno opinabile: le cuffie non possono essere utilizzate in modalità passiva, ma solo da accese e con una conversione digitale/analogico sempre affidata al DAC integrato. È la frase riportata sul sito Bowers & Wilkins a svelare questo dettaglio - unita al fatto che da spente riproducono alcun suono anche se una sorgente audio viene collegata tramite jack da 3,5mm: "Le PX effettuano l'up mixing digitale del segnale audio in ingresso a 768 kHz ottimizzando ulteriormente i dettagli acustici". Gli appassionati dei film della serie 'Amici Miei' avranno sulla punta della lingua un termine per definire al meglio questa frase. Fatto sta che è inutile ottimizzare al meglio (magari tramite un amplificatore per cuffie e un DAC dedicati) il suono a monte delle cuffie, sarà sempre e comunque il DAC integrato a pilotare i trasduttori all'interno dei padiglioni. E se la batteria finisce la carica, le cuffie diventano inutilizzabili.

DAC che, va detto, fa un ottimo lavoro sulle sorgenti audio più comuni, come gli MP3, i FLAC in qualità CD e la musica dei più diffusi servizi di audio streaming, e che rende l'esperienza d'uso molto piacevole in modalità wireless o collegando le cuffie via cavo a smartphone, telefonini e lettori portatili. Interessante il fatto che le cuffie possano essere collegate al computer direttamente tramite cavo USB e bypassare il DAC della scheda audio, fornendo un flusso totalmente digitale dal disco fisso o dalla rete direttamente al passo prima dei trasduttori. Ci pare di poter dire che la risposta delle cuffie sia ottimizzata per l'uso in mobilità, laddove i rumori dell'ambiente esterno (anche quando filtrati dal sistema ANC) influiscono sulla qualità di ascolto e rendono inutili cuffie perfettamente definite sugli alti e perfettamente dinamiche sui bassi, trovando maggiore valorizzazione sull'enfasi dei toni medi. Il primo sample in prova ha denotato un netto cambio di profilo audio tra le modalità a Noise Cancelling attivato e spento, mentre il secondo (quello in livrea Soft Gold) sotto questo punto di vista non ha dato vita a differenze apprezzabili.

Come diciamo nel nostro video quindi le Bowers & Wilkins PX non sono delle cuffie tuttofare buone per gli audiofili casalinghi come anche per i viaggiatori e i pendolari. Solo queste ultime due categorie ne possono benficiare al meglio, mentre i primi farebbero meglio (e forse questo è un po' anche l'intento degli inglesi) a mettere via da parte 500€ in più per l'acquisto delle P9 Signature. Le nuove Bowers & Wilkins PX hanno infatti un prezzo di listino di €399, di poco superiore alla media del settore delle cuffie Noise Cancelling sul mercato. Per chi non fosse un fan della cancellazione del rumore, a puro livello audio ci sentiremmo di consigliare - rimanendo nel catalogo del marchio britannico - le P7 Wireless. Per chi invece (come il sottoscritto) trovi che fruscii e brusii siano un fastidio insopportabile, le PX possono rappresentare una buona scelta. Lo sono sicuramente per chi è attento all'estetica: soprattutto nella livrea oro-blu sono forse al momento le cuffie più belle sul mercato. La concorrenza in questo settore è agguerrita: da un lato Bose con le sue QuietComfort 35 detiene la palma della comodità e dell'indossabilità per lunghissimi periodi, dall'altro Sony con le sue MDR-1000X vince sulla funzione Noise Cancelling e sulle gesture per gestire in modo rapido eventuali brevi conversazioni.

[HWUVIDEO="2448"]Bowers&Wilkins PX: via il rumore, ma resta qualche dubbio[/HWUVIDEO]
  • Articoli Correlati
  • Bowers & Wilkins P7 Wireless e P9 Signature: qualità in ascolto Bowers & Wilkins P7 Wireless e P9 Signature: qualità in ascolto Qualità è la parola d'ordine di queste cuffie Bowers & Wilkins: P9 Signature sono le perfette compagne per l'ascolto casalingo, mentre P7 Wireless offrono anhce la possibilità di ascolto in mobilità senza fili. Il costo è un po' elevato, ma la resa acustica è decisamente sopra la media. Ecco la nostra recensione, in cui raccontiamo anche dei redattori di Hardware Upgrade lasciati a bocca aperta dall'ascolto delle B&W P9
  • Sennheiser PXC 480: musica e silenzio in mobilità. La nostra recensione Sennheiser PXC 480: musica e silenzio in mobilità. La nostra recensione Le cuffie noise cancelling sono un ottimo palliativo contro il frenetico fracasso della vita moderna. La comodità è uno dei punti di forza di queste Sennheiser PXC 480, cuffie cablate circumaurali, che offrono offrono la possibilità di isolarsi quasi completamente dai fastidi esterni grazie alla tecnologia di riduzione del rumore NoiseGuard di Sennheiser. Ecco la nostra recensione.
  • Bose QuietComfort QC35: la nostra recensione. Parola d'ordine comodità Bose QuietComfort QC35: la nostra recensione. Parola d'ordine comodità Bose QuietComfort QC35 sono le top di gamma in casa Bose per ascoltare musica in mobilità: uniscono le tecnologie ANC Noise Cancelling alla connettività Bluetooth NFC per godere delle proprie canzoni senza fili. Complete sotto ogni punto di vista hanno in questa versione argento un'aspetto a volte un po' 'cheap', ma una volta indossate sono comodissime e fanno dimenticare i rumori esterni rendendo anche i viaggi più lunghi maggiormente sopportabili
  • Sony MDR-1000x: musica senza fili e senza rumore Sony MDR-1000x: musica senza fili e senza rumore Sony MDR-1000X. Si tratta di cuffie con padiglione circumaurale chiuso, dotate di active noise cancelling digitale e connettività Bluetooth per l'ascolto di musica senza fili. Sony ha lavorato per offrire una migliore cancellazione dei rumori esterni rispetto al modello precedente su tutte le frequenze, ottimizzando sia l'eliminazione dei rumori a bassa frequenza sia quelli alle frequenze più alte
6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Roman9125 Novembre 2017, 11:48 #1
domanda rivolta a chi ha provato più cuffie bt,
a casa ho tre paia di cuffie bt:
bluedio in ear da 15 euro (per fare sport)
bluedio turbine t2 (circa 30 euro)
Sony MDR-ZX770BN (circa 110 euro)

tutte e tre le paia di cuffie collegate in bluetooth presentano dei ronzii di fondo abbastanza fastidiosi, di fatto rendendo l'ascolto col cavo la scelta migliore.
c'è da dire che le cuffie da 15 euro fanno abbastanza schifo sempre, nelle bluedio turbine il suono è buono col cavo ...molto peggio (causa ronzii ...non commento il dac),
le sony invece se la cavano molto bene sia col cavo che bt, ma c'è da dire che un leggero ronzio con il bt è sempre presente.
La domanda è:
il ronzio (rapporto segnale/rumore?) è dovuto a dei dac non troppo eccelsi, oppure è proprio un limite del bt? ..qualcuno ci illumina?
Marko#8826 Novembre 2017, 11:02 #2
Originariamente inviato da: Roman91
domanda rivolta a chi ha provato più cuffie bt,
a casa ho tre paia di cuffie bt:
bluedio in ear da 15 euro (per fare sport)
bluedio turbine t2 (circa 30 euro)
Sony MDR-ZX770BN (circa 110 euro)

tutte e tre le paia di cuffie collegate in bluetooth presentano dei ronzii di fondo abbastanza fastidiosi, di fatto rendendo l'ascolto col cavo la scelta migliore.
c'è da dire che le cuffie da 15 euro fanno abbastanza schifo sempre, nelle bluedio turbine il suono è buono col cavo ...molto peggio (causa ronzii ...non commento il dac),
le sony invece se la cavano molto bene sia col cavo che bt, ma c'è da dire che un leggero ronzio con il bt è sempre presente.
La domanda è:
il ronzio (rapporto segnale/rumore?) è dovuto a dei dac non troppo eccelsi, oppure è proprio un limite del bt? ..qualcuno ci illumina?


MDR1000X qui, nessun ronzio col bt.
Roman9127 Novembre 2017, 08:38 #3
Originariamente inviato da: Marko#88
MDR1000X qui, nessun ronzio col bt.


azz notevoli, quindi se; ti metti le cuffie spente e le accendi, dopo la notifica d'accensione, le cuffie tornano completamente mute oppure senti un rumore di fondo (anche se molto lieve e non fastidioso).
Inoltre, ti capita che quando te le metti, causa ottimo isolamento, il dinamico vada a fine corsa facendo un brutto rumore (dovuto alla pressione dell'aria tra orecchio e cono)
grazie
Marko#8827 Novembre 2017, 08:58 #4
Originariamente inviato da: Roman91
azz notevoli, quindi se; ti metti le cuffie spente e le accendi, dopo la notifica d'accensione, le cuffie tornano completamente mute oppure senti un rumore di fondo (anche se molto lieve e non fastidioso).
Inoltre, ti capita che quando te le metti, causa ottimo isolamento, il dinamico vada a fine corsa facendo un brutto rumore (dovuto alla pressione dell'aria tra orecchio e cono)
grazie


No aspetta, parliamo di BT o di NC? Perchè il leggero rumore di fondo con il NC si sente; si sente nelle Bose QC35, nelle MDR1000X e in un altro paio di Sony (molto più economiche) che ho utilizzato e di cui non ricordo la sigla. Quello è il rumore del NC e quando sono accese con NC attivo si sente. È una sorta di fruscio a bassissimo volume e che sparisce anche con la musica al minimo ovviamente.
Se invece spengo il NC e le uso in BT non sento nessun ronzio/fruscio/rumore, nulla.
Mai successo nemmeno quel che dici del brutto rumore... nè collegate all'iPhone tramite BT (volume massimo utilizzabile senza distorsioni e senza spaccarsi i timpani ma è molto alto) nè collegate al DAC del pc (in cui oltre 35/100 di volume non riesco ad alzare perchè mi esploderebbero i timpani...ma anche in queste condizioni non distorcono).
OttoVon28 Novembre 2017, 01:19 #5
Il brusio NC è qualcosa che fino ad ora mi ha sempre dato fastidio, almeno in quelle nei negozi: 1000X, Senn, Bose... .
Devo convincermi a comprarne un paio per adattarmi.

Le in-ear sono già dei "tappi", ed isolano molto bene.
Il tipo di cuffia che preferisco, potrei portarla tutto il giorno senza stancarmi.
Marko#8828 Novembre 2017, 07:47 #6
Originariamente inviato da: OttoVon
Il brusio NC è qualcosa che fino ad ora mi ha sempre dato fastidio, almeno in quelle nei negozi: 1000X, Senn, Bose... .
Devo convincermi a comprarne un paio per adattarmi.

Le in-ear sono già dei "tappi", ed isolano molto bene.
Il tipo di cuffia che preferisco, potrei portarla tutto il giorno senza stancarmi.


Il leggero fruscio NC però si sente solo se si è in una stanza silenziosa... se ti metti le cuffie in un ambiente rumoroso, senti l'esterno ovattato e null'altro.
Le in ear io invece non le tollero, avere qualcosa inserito dentro al canale uditivo è fastidiosissimo. Sopporto solo le Bose SoundTrue che non si inseriscono...rimangono esterne tipo i vecchi auricolari ma hanno il cappellotto di gomma che isola dall'ambiente esterno. Mi piacerebbe provarle in versione NC (le mie non lo sono) ma costano troppo per quel che le userei, specie avendo preso le Sony. Sony che a proposito, sono comunque molto comode. Forse potrebbero far venire caldo in estate ma come comodità nulla da dire, avvolgono l'orecchio, stanno ferme, pesano poco.
Anche se le cuffie più comode del mondo per me restano le Fidelio, nonostante il loro peso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^