Amazon presenta la nuova famiglia Echo. Ecco i 4 dispositivi tra cui anche Echo Dot con display

Amazon presenta la nuova famiglia Echo. Ecco i 4 dispositivi tra cui anche Echo Dot con display

Amazon non si ferma anzi aggiorna la sua famiglia Echo presentando addirittura 4 nuovi prodotti ancora più votati all'intrattenimento e alla domotica in casa. Echo, Echo Flex, Echo Dot (con display per l'orologio) e il prestigioso Echo Studio. Vediamo insieme tutte le novità.

di pubblicata il , alle 20:31 nel canale Casa
Amazon
 

Amazon inarrestabile con la sua Alexa ma soprattutto con i suoi dispositivi per l'intrattenimento in casa e non solo. L'azienda decide di rinnovare la linea Echo e per farlo propone ora agli utenti 4 nuovi prodotti capaci alzare l'asticella qualitativa che gli utenti potranno apprezzare da subito. Ecco che direttamente dalla conferenza stampa a Seattle, Amazon presenta i nuovi Echo, Echo Dot, Echo Flex ed Echo Studio. Quattro nuovi prodotti per l'uso quotidiano in ogni stanza della propria casa ma anche in ogni luogo.

"Amiamo ricevere feedback dai clienti su come utilizzano Alexa durante la loro giornata, sia che si tratti di ascoltare musica, di entrare in contatto con una persona cara, di provare una nuova ricetta o di giocare con la propria famiglia” afferma Jorrit Van der Meulen, Vice President, Amazon Devices International Alexa. “Ci auguriamo che questi nuovi dispositivi Echo possano offrire ai clienti ancora più modi per accedere ad Alexa, sia che si tratti del nostro Echo con il suono migliore di sempre, di Echo Dot, di nuovi prodotti come Echo Flex o di un audio immersivo con Echo Studio”.

Amazon Echo e Echo Dot

Partiamo dai più amati dagli utenti ossia i nuovi Amazon Echo e Echo Dot che vedono un cambiamento estetico ma anche e soprattutto hardware con novità interessanti per Alexa che comunque riguarderanno anche le generazioni passate. I due nuovi Echo si propongono agli utenti con una nuova veste visto che l'azienda di Jeff Bezos decide di rivestire con un nuovo tessuto i dispositivi opzionando per il colore dal blu-grigio all'antracite passando ancora per il grigio mélange al grigio chiaro.

Echo questa volta possiede la medesima tecnologia audio del fratello maggiore Echo Plus e dunque vede la presenza di un woofer da 7.6 cm capace anche di aumentare il volume del dispositivo con bassi ancora più potenti e medi ed alti più nitidi.

Echo Dot si rinnova maggiormente permettendo ora gli utenti di vedere addirittura l'ora sulla sua superficie. Molto bello infatti l'effetto che Amazon ha deciso di regalare a questo Echo Dot grazie all'introduzione di un display a LED semplice ma luminoso che permetterà di utilizzarlo sul comodino o su di una mensola. Il display a LED garantisce una regolazione automatica della luminosità grazie ai sensori presenti e dunque alla luce presente nella stanza.

Con il nuovo Echo Dot si avrà la possibilità di vedere dunque l'ora facilmente anche e soprattutto al buio o anche la temperatura esterna impostando anche una sveglia o un timer per la pasta sempre grazie all'interazione con Alexa. Toccando oltretutto la parte superiore di Echo Dot si potrà facilmente con un gesto posticipare la sveglia.

  • Amazon Echo di nuova generazione sarà in vendita ad un prezzo di 99.99€, preordinabile già da oggi e poi in spedizione entro la fine dell'anno.
  • Amazon Echo Dot con display a LED sarà invece in vendita ad un prezzo di 69,99€ anche questo in preordine da oggi e in spedizione entro la fine dell'anno.

 

Amazon Echo Flex

Non è tutto perché Amazon decide di presentare anche un piccolo device dalle prestazioni comuni alla linea Echo. Parliamo del nuovo Amazon Echo Flex, un prodotto davvero conveniente che permetterà di porre Alexa in ogni stanza della casa senza dover spendere una fortuna e soprattutto senza la preoccupazione dei cavi. Sì, perché il nuovo Echo Flex è un piccolo dispositivo capace di collegarsi direttamente alla presa elettrica standard facendo diventare la stanza domotica. In questo caso sarà possibile interagire come sempre con Flex tramite l'assistente Alexa e si potrà con esso controllare ogni singolo dispositivo domestico intelligente compatibile.

Echo Flex oltretutto offre anche una porta USB integrata che dunque garantisce anche la ricarica di un dispositivo esterno come il telefono o anche un altro terminale. Molto piccolo nella sua dimensione con la posssibilità di integrarsi facilmente in ogni stanza della casa o anche magari in garage.

  • Amazon Echo Flex arriverà sul mercato ad un prezzo di 29.99€ e sarà preordinabile già da oggi in spedizione entro la fine dell'anno

 

Amazon Echo Studio

Ultimo ma più importante prodotto che Amazon decide di annunciare oggi e di portare nelle case degli utenti. Parliamo di Amazon Echo Studio ossia un dispositivo capace di elevare ad un livello maggiore l'ascolto della musica rendendola immersiva. Echo Studio è un piccolo ma "enorme" prodotto costituito da ben 5 altoparlanti direzionali integrati e appositamente progettato per riuscire a creare un suono di qualità superiore.

Echo Studio possiede un woofer da 13.3 cm con 330W di potenza massima che saranno distribuiti con bassi profondi e ricchi grazie all'apertura presente nella parte inferiore del device progettato così proprio per massimizzare il flusso di aria e quindi l'uscita dei bassi da woofer. Presente anche un tweeter da 2,5 cm oltre a 3 diversi altoparlanti midrange da 5 cm che offriranno frequenze medie nitide e frequenze alte dinamiche.

A livello tecnico abbiamo un DAC a 24 bit oltre ad un amplificatore di potenza da 100Hz di larghezza di banda che dunque permetterà una riproduzione musicale ad alta risoluzione e soprattutto senza alcuna dispersione. Oltretutto l'algoritmo creato da Amazon garantisce in modo del tutto automatico di rilevare l'acustica dell'ambiente in cui viene posizionato Echo Studio e dunque ottimizzare la riproduzione audio proprio per offrire un suono ottimale. Oltre a tutto questo Echo Studio è anche il primo altoparlante intelligente capace di offrire un'esperienza audio in Dolby Atmos e con Sony 360 Reality Audio.

Da sottolineare la possibilità di abbinare uno o due dispositivi ulteriori Echo Studio a dispositivi Fire TV per la riproduzione audio con suono multicanale e supporto ai formati Dolby Atmos e Dolby Audio 5.1 e audio stereo. Echo Studio infatti possiede l'hub Zigbee che garantisce il controllo di altri dispositivi domestici intelligenti compatibili.

  • Amazon Echo Studio sarà disponibile ad un prezzo di 199,99€ e sarà già preordinabile da oggi mentre la spedizione avverrà entro la fine dell'anno.

Alexa si evolve

Amazon decide di aggiornare anche Alexa e di farla "parlare" meglio e di più. Ecco che oltre ad una nuova linea di dispositivi Echo, l'azienda ha annunciato oggi alcune nuove funzionalità di Alexa, che la rendono ancora più intelligente, semplificando la vita dei clienti e fornendo loro una gestione ancora più semplice dei loro dispositivi.

Nuova e molto interessante ora la possibilità per gli utenti di poter chiedere ad Alexa di parlare più lentamente o più velocemente, a seconda delle loro preferenze. Se infatti si chiederanno ad Alexa informazioni sul meteo, le ultime notizie, un aggiornamento sportivo, un evento imminente sul calendario, una definizione e altro ancora, quello che si potrà fare è di scegliere anche tra sette differenti velocità: la velocità standard della voce di Alexa, quattro modalità più veloci e due più lente. Basterà dire "Alexa, parla più lentamente" o "Alexa, parla più velocemente" per regolare il ritmo della voce di Alexa. Questa nuova funzionalità sarà disponibile su qualsiasi dispositivo abilitato con Alexa. Per reimpostare il ritmo della voce di Alexa, basterà dire: "Alexa, parla a velocità normale."

Non solo perché sono finalmente finiti i giorni in cui Alexa rispondeva alle domande con un volume a volte elevato perché lasciato così precedentemente. Fastidioso in caso di una domanda durante la mattina presto mentre qualcuno in casa ancora dorme. Ebbene ora Alexa possiede anche la funzione "sussurro" che permetterà appunto di sussurrare ad Alexa, che a sua volta sussurrerà la risposta.

Alexa offrirà presto due ulteriori funzionalità, per fornire agli utenti una maggiore trasparenza sulle risposte che riceveranno. Ad esempio se gli utenti saranno curiosi di sapere ciò che Alexa ha sentito quando le si è chiesto sulle notizie o la riproduzione di una canzone specifica, basterà chiedere: "Alexa, dimmi cosa hai sentito" e Alexa leggerà la tua richiesta vocale più recente. Si potrà anche chiedere: "Alexa, perché hai fatto questo?" e Alexa fornirà una breve spiegazione sulla sua risposta alla tua ultima richiesta vocale. Questa funzione sarà attiva entro la fine dell'anno.

Infine Amazon ribadisce il fatto che i dispositivi Alexa ed Echo sono costruiti con molteplici livelli di protezione della privacy. Dall'inizio di quest'anno Amazon ha introdotto una funzionalità che permette ai clienti di cancellare ciò che hanno detto, chiedendo: "Alexa, cancella tutto quello che ho detto oggi" o "Alexa, cancella quello che ho appena detto". Oggi Alexa compie un ulteriore passo in avanti, attraverso l'auto-cancellazione. Disponibile entro la fine dell'anno, questa nuova funzionalità permetterà agli utenti di poter scegliere di far cancellare automaticamente le registrazioni vocali e trascrizioni di testo più vecchie di tre o 18 mesi, su base continuativa. Questa funzione verrà aggiunta alla possibilità già presente di accedere e cancellare le richieste singolarmente o tutte in una volta sola.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej26 Settembre 2019, 08:15 #1
temo di essere vecchio.... personalmente li trovo inutili... eppure vedo un, mondo fuori dal finestrino del'a auto, fatto di persone con il telefono in mano che chiedono a Siri o a Google di fare qualcosa... bho
AlexSwitch26 Settembre 2019, 08:30 #2
Originariamente inviato da: Cappej
temo di essere vecchio.... personalmente li trovo inutili... eppure vedo un, mondo fuori dal finestrino del'a auto, fatto di persone con il telefono in mano che chiedono a Siri o a Google di fare qualcosa... bho


Non sei vecchio, hai solamente buon senso....
Marko#8826 Settembre 2019, 08:41 #3
Originariamente inviato da: Cappej
temo di essere vecchio.... personalmente li trovo inutili... eppure vedo un, mondo fuori dal finestrino del'a auto, fatto di persone con il telefono in mano che chiedono a Siri o a Google di fare qualcosa... bho


Originariamente inviato da: AlexSwitch
Non sei vecchio, hai solamente buon senso....


O semplicemente non ne riuscite a vedere il potenziale.
Dalle piccole cose a cose più serie, questi affari sono piuttosto comodi... ma è una discussione trita e ritrita, chi li utilizza è contento, chi non ne capisce il senso continuerà a non capirlo perché probabilmente ha abitudini in cui un Echo (o equivalente Google) non si inserisce.

Trovo interessante lo Studio, aspetterò qualche recensione sulla qualità del suono per fare un upgrade del Plus (quando non voglio accendere l'impianto "vero"
Marodark26 Settembre 2019, 08:46 #4
Originariamente inviato da: Cappej
temo di essere vecchio.... personalmente li trovo inutili... eppure vedo un, mondo fuori dal finestrino del'a auto, fatto di persone con il telefono in mano che chiedono a Siri o a Google di fare qualcosa... bho


Inutili? Io non ne posso più fare a meno da quando ho deciso di provarli, e mi avvicino ai 40 per dirti.

Tu non hai idea di che aiuto diano per qualsiasi cosa, e quanto rendano molto più facile e immediata quella che è la quotidianità; è che magari ti fermi all'apparenza, ma ti posso garantire che le potenzialità sono enormi.

Possiedo anche le luci della Philips HUE, ed ormai non tocco più un interruttore
AlexSwitch26 Settembre 2019, 08:54 #5
Originariamente inviato da: Marko#88
O semplicemente non ne riuscite a vedere il potenziale.
Dalle piccole cose a cose più serie, questi affari sono piuttosto comodi... ma è una discussione trita e ritrita, chi li utilizza è contento, chi non ne capisce il senso continuerà a non capirlo perché probabilmente ha abitudini in cui un Echo (o equivalente Google) non si inserisce.

Trovo interessante lo Studio, aspetterò qualche recensione sulla qualità del suono per fare un upgrade del Plus (quando non voglio accendere l'impianto "vero"


Il potenziale lo vedo benissimo soprattutto quello di Amazon ( ma anche di Google e di Apple ) nell'avere sempre un orecchio in ascolto continuo in casa.
Dopo quanto è uscito sulle registrazioni ascoltate da contractor per le aziende sopra citate, se permetti, non mi fido. Preferisco spendere pochi minuti in più per fare le ricerche in maniera tradizionale.
Marodark26 Settembre 2019, 09:00 #6
Originariamente inviato da: AlexSwitch
Il potenziale lo vedo benissimo soprattutto quello di Amazon ( ma anche di Google e di Apple ) nell'avere sempre un orecchio in ascolto continuo in casa.
Dopo quanto è uscito sulle registrazioni ascoltate da contractor per le aziende sopra citate, se permetti, non mi fido. Preferisco spendere pochi minuti in più per fare le ricerche in maniera tradizionale.


Perché pensi che delle ricerche su internet, o quando vai al supermercato con la scheda punti, o ritiri al bancomat e tutto il resto, nessuno sappia niente?

Se quella è una tua preoccupazione stai sereno, sanno comunque tutto di noi.

E comunque non si tratta solo di fare ricerche con Echo, ma solo provandolo e con il tempo imparando a sfruttarne le potenzialità se ne capisce la reale utilità. E' normale che fermandosi alle apparenze tutto sembra inutile

Io lo comprai perché lo trovai in offerta a 19 euro, quindi mi sono detto proviamolo. Ad oggi non riuscirei a tornare indietro.
*aLe26 Settembre 2019, 09:15 #7
Originariamente inviato da: Marko#88
Dalle piccole cose a cose più serie, questi affari sono piuttosto comodi... ma è una discussione trita e ritrita, chi li utilizza è contento, chi non ne capisce il senso continuerà a non capirlo perché probabilmente ha abitudini in cui un Echo (o equivalente Google) non si inserisce.
Eh, è quello che accadrà in casa mia mi sa.

Io non ho mai trovato grande utilità in 'sti aggeggi, mia moglie ne vorrebbe uno perché dice che torna utile nelle faccende di tutti i giorni (sveglie, timer, meteo, notizie, mettere su un po' di musica, e via dicendo).

Abbiamo due concezioni diverse della "tecnologia" mi sa (e dire che a detta di tutti quello tecnologico in casa sono io).
Io se butto la pasta guardo sull'orologio a parete che ora è e la scolo dopo N minuti (che il meraviglioso pendolo dell'Ikea l'ho preso per un motivo).
Lei si punta il timer sul telefono e sarebbe più comoda chiedendo ad Alexa "mi imposti un timer da 9 minuti?".
AlexSwitch26 Settembre 2019, 09:19 #8
Originariamente inviato da: Marodark
Perché pensi che delle ricerche su internet, o quando vai al supermercato con la scheda punti, o ritiri al bancomat e tutto il resto, nessuno sappia niente?

Se quella è una tua preoccupazione stai sereno, sanno comunque tutto di noi.

E comunque non si tratta solo di fare ricerche con Echo, ma solo provandolo e con il tempo imparando a sfruttarne le potenzialità se ne capisce la reale utilità. E' normale che fermandosi alle apparenze tutto sembra inutile

Io lo comprai perché lo trovai in offerta a 19 euro, quindi mi sono detto proviamolo. Ad oggi non riuscirei a tornare indietro.


Le ricerche su internet sono io a farle ( e circostanziarle ) e il mio computer non è costantemente in ascolto. Inoltre utilizzando il web browsing posso usare i filtri per la privacy e contenuti. Certo non sarò in un bunker che mi garantisce l'anonimato totale, ma non sono nemmeno " chiappe all'aria " con un dispositivo che registra ( e può filmare ) tutto ciò accade in ambiente domestico 24/365.
Per quanto riguarda le carte di debito e credito io so a chi vanno i miei dati ( non estrapolati da conversazioni vocali ) e soprattutto il perchè. Di sicuro uno sportello bancomat, e quindi la tua banca, non ha le potenzialità per capire se stai male e il perchè, oppure cosa vorrai comprare, piuttosto che sapere i nomi di conviventi, parenti, figli.
A mia personalissima opinione il gioco non vale la candela, soprattutto per la mancanza di garanzie serie e chiare sulla privacy e sul trattamento dei dati.
*aLe26 Settembre 2019, 09:35 #9
Originariamente inviato da: AlexSwitch
Di sicuro uno sportello bancomat, e quindi la tua banca, non ha le potenzialità per capire se stai male e il perchè, oppure cosa vorrai comprare
Posso pensare male? La butto lì.

I prezzi su Amazon già oscillano, e non credo sia solo in base alla disponibilità ma anche in base a quanto un articolo "tira".
Cosa impedisce a loro di far oscillare i prezzi in maniera mirata una volta che hanno raccolto i gusti e i "desideri" di N mila persone?
"Oh, mille persone oggi si sono interessate alla nuova GeForce Vattelapesca 2100, alziamola un po' che magari qualcuno abbocca".

E, parlo ancora più per assurdo, una volta che sa cosa [U]TU[/U] vuoi comprare, chi le impedisce di mettersi a fare "prezzi personalizzati" a misura tua?

Nomini 10 volte in una settimana un album di un cantante o di una band? Dici che sei interessato a un tipo particolare di processore? Amazon sa che sei ben disposto a comprare e alza di qualche euro il prezzo che tu vedi.
Vai sulla pagina, nicchi, magari ti lamenti che costa troppo? Dopo un paio di giorni il prezzo si riallinea (e tu pensi anche "oh che fortuna, è sceso di prezzo! Fammene approfittare!").

Se a loro va bene, hanno guadagnato qualche euro spedendoti il prodotto qualche giorno prima. Se a loro va male, l'hai acquistato al prezzo "standard" qualche giorno dopo, convinto di aver fatto un affare (quindi ti rimane anche una buona impressione di Amazon).

Senza fare dietrologia spicciola e via dicendo, e senza alimentare complottismi vari... A me è già capitato, su un noto sito di prenotazione hotel online, che per la stessa identica camera mia moglie con l'app vedesse un prezzo diverso da quello che vedevo io sul PC (entrambi loggati, quindi non era una situazione di "utente loggato vs. utente anonimo".

Perché non potrebbe farlo anche Amazon?

Poi ovvio, detto questo dobbiamo solo fidarci e "sperare" che Amazon ascolti solo le conversazioni che cominciano con "Alexa, ..." ma è questione di fiducia. Essere in ascolto deve per forza essere in ascolto sempre, altrimenti come fa a sentire quando tu dici "Alexa"?
Haran Banjo26 Settembre 2019, 09:40 #10
Boh io fatico a capire pure il senso dell'apertura motorizzata dei portelloni auto... questi aggeggi vanno al di là della mia comprensione.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^