Amazon Alexa, presto la capacità di riconoscere utenti dalla voce

Amazon Alexa, presto la capacità di riconoscere utenti dalla voce

L'assistente vocale di Amazon potrebbe presto riuscire a riconoscere quale utente gli stia impartendo comandi analizzando la sua impronta vocale

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:01 nel canale Casa
Amazon
 

Alexa, l'assistente vocale di Amazon, pur con la capacità di gestire varie abilità non è in grado di riconoscere chi stia effettivamente rivolgendogli delle richieste. Il riconoscimento dell'interlocutore sembra però essere prossimo a diventare realtà, almeno secondo quanto riferito dalla rivista Time.

Citando fonti interne ad Amazon, la nuova funzionalità andrebbe a sfruttare un'impronta vocale per verificare l'identità di vari utenti e permetterebbe al titolare principale dell'account di impostare Alexa così da richiedere la sua specifica impronta vocale per poter eseguire determinati comandi. In altri termini, l'utente la cui carta di credito è collegata all'account può impostare Echo (l'assistente domestico costruito su Alexa) così che richieda espressamente la sua voce per effettuare acquisti.

La caratteristica "Voice ID" è in fase di sviluppo sin al 2015, e dovrebbe poter semplificare la gestione di alcuni aspetti di Alexa, così come ridurre il rischio di acquisti accidentali. Echo permette già ora di impostare profili multipli, ma l'integrazione della funzionalità consentirebbe ad utenti differenti di accedere direttamente ai loro account senza doversi spostare manualmente tra essi.

Le fonti citate dal Times affermano che lo sviluppo della funzionalità è ormai utlimato, ma non è ancora possibile sapere quando verrà integrata nei dispositivi Echo o se dovesse rendersi necessaria una nuova piattaforma hardware per il suo funzionamento.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ottodojo28 Febbraio 2017, 16:29 #1
Si ma quando arriverà in Italia?
ComputArte28 Febbraio 2017, 19:46 #2

PROFILAZIONE ABOMINEVOLE!!!!

WOW!!!!
sempre peggio....immaginate una "impronta digitale" così personale, data in pasto a questi fagocitatori di dati che SONO in grado di riprodurre qualsiasi tipo di interazione che l'utente dovrebbe avere l ESCLUSIVA di fare...
Impronta sonora della voce per attivare qualsiasi tipo di comando o azione...sai che lippa per i ladri di identità e truffatori in grado di intercettare i "bit distintivi"!!!!

Tutte queste informazioni STRATEGICHE se vanno a finire nel "CLOUD" sono perse per sempre...
L'unica remota possibilità di non essere STUPRATI da QUESTA TECNOLGIA è TORNARE veramente alla essenza del PC, alias PERSONAL computer per rimanere "imperatori" dei propri dati!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^