Nest Guard ha un microfono, ma Google non avvisò gli utenti

Nest Guard ha un microfono, ma Google non avvisò gli utenti

Nest Guard è uno dei dispositivi che si trova all'interno del "pacchetto" Nest Secure. Google però si è scordata di notificare agli utenti che il sistema contiene anche un microfono. Un nuovo problema per la privacy.

di pubblicata il , alle 19:41 nel canale Casa
GoogleNest
 

Nest Guard è uno dei componenti del pacchetto Nest Secure (attualmente ancora non in vendita in Italia) che è al centro di un problema di privacy e sicurezza oltre che di mancata comunicazione da parte di Google.

Quando il produttore di Mountain View ha aggiunto la compatibilità con l'Assistente di Google, è stato evidente ci fosse un microfono, che però non era dichiarato nelle specifiche.

Tutte le comunicazioni da parte di Google circa Nest Guard e Nest Secure avevano sempre tralasciato questo dettaglio tecnico, "nascondendolo" così agli utenti. Secondo la società statunitense è stata una svista ma non voleva essere un segreto.

nest guard microphone

Un portavoce di Google ha dichiarato a Business Insider "il microfono sul dispositivo non è mai stato concepito come un segreto e avrebbe dovuto essere elencato nelle specifiche tecniche: è stato un errore da parte nostra. Il microfono non è mai stato acceso e viene attivato solo quando gli utenti abilitano specificamente l'opzione".

Ora la scheda tecnica di Nest Guard riporta effettivamente la presenza di un microfono, ma l'aggiornamento è stato tardivo e gli utenti magari avrebbero scelto di non acquistarlo se avessero saputo dell'integrazione del microfono.

Altra giustificazione di Google è stata che in futuro sarebbero potute essere aggiunte nuove opzioni che al momento non erano disponibili. Per esempio, tramite il microfono sarebbe possibile rilevare vetri rotti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tedturb020 Febbraio 2019, 21:00 #1
i vetri rotti degli specchi su cui si stanno cercando di arrampicare
emiliano8421 Febbraio 2019, 07:51 #2
ma non mi dire, che sorpresa
ComputArte22 Febbraio 2019, 15:17 #3

...mentre tentiamo di annacquare leggi e regolamenti...

Certo che questi soggetti NON hanno vergogna....sono riusciti a fare carne di porco con l'Europa spazzando via ogni possibilità di competere!!!!
Sono riusciti a operare NEL e SUL territorio senza dichiarare una STABILE ORGANIZZAZIONE che li obbliga a pagare le stesse stasse degli operatori locali...
Sono riusciti a far credere a molti che il CLOUD è la soluzione migliore e con minor costo....
E tutto grazie ad organi di controllo, istituzioni e politicanti che si sono venduti quello che non dovevano e non potevano vendersi: il nostro futuro!

Quancuno si è svegliato ed è uscito il GDPR....ma sembra che le OTT non abbiano capito o non vogliano capire che il vento è cambiato!

Prima o poi le persone si accorgeranno che tutta la tecnologia SMART è ingegnerizzata per SPIARE tutto e tutti....il domino è iniziato!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^