Nest arriva in Italia con il termostato smart e altri due prodotti

Nest arriva in Italia con il termostato smart e altri due prodotti

La società è adesso di proprietà di Alphabet e si è appena espansa in quattro paesi europei, fra cui l'Italia. Ecco con quali prodotti

di pubblicata il , alle 13:33 nel canale Casa
 

Nest produce hardware, software e servizi incentrati sulla fornitura di soluzioni per la smart home. La compagnia ha annunciato lunedì che ha espanso le proprie operazioni in nuovi paesi europei: Italia, Austria, Germania e Spagna: "Questa espansione ci avvicina al conseguimento del nostro obiettivo: aiutare le persone di tutto il mondo a risparmiare energia e offrire loro protezione e sicurezza nelle proprie abitazioni", ha dichiarato Matt Rogers, co-fondatore di Nest.

Il portafoglio di Nest in Italia conta al lancio tre dei quattro prodotti della line-up. Grande assente il rilevatore di fumo e monossido di carbonio Nest Protect, mentre ci saranno l'intramontabile Learning Thermostat di terza generazione, e le due Cam Indoor e Outdoor. I prodotti possono essere già preordinati tramite Amazon, MediaWorld ed ePrice, e verranno consegnati ai primi acquirenti a metà febbraio secondo i piani della compagnia.

  • Nest Learning Thermostat di terza generazione (prezzo di vendita consigliato: € 249 IVA inclusa). Nest Learning Thermostat apprende la temperatura preferita dell'utente e determina quanto tempo è necessario per riscaldare il luogo in cui è installato, per poi programmarsi da sé. Quando non c'è nessuno in casa, Nest si spegne automaticamente per aiutarti a risparmiare energia ed è inoltre possibile controllarlo da un'app per smartphone.
  • Rilevatore di fumo e monossido di carbonio Nest Protect (prezzo di vendita consigliato: € 119 IVA inclusa). Nest Protect rileva la presenza di incendi a combustione rapida, incendi senza fiamma e monossido di carbonio. In più, informa l'utente quando rileva un problema con un avviso vocale e, se non c'è nessuno in casa, invia al proprietario un avviso sullo smartphone.
  • Nest Cam Indoor (prezzo di vendita consigliato: € 199 IVA inclusa). Nest Cam Indoor invia avvisi quando rileva movimenti o suoni e quando è buio la funzione Visione notturna illumina uniformemente tutta la scena. Grazie all'app Nest è possibile controllare e vedere tutto in diretta, in HD a 1080p.
  • Nest Cam Outdoor (prezzo di vendita consigliato: € 199 IVA inclusa). Nest Cam Outdoor è resistente agli agenti atmosferici e si collega alla presa di corrente per sorvegliare l'ambiente in ogni momento e in qualsiasi condizione meteo. Se rileva attività, invia un avviso e, se c’è qualcuno, è possibile comunicare con lo smartphone per attirare la sua attenzione.
Nest ha annunciato anche la collaborazione futura con diversi brand, anche se non sappiamo ancora con quali finalità. La società afferma che intende "creare offerte accattivanti per i clienti condivisi" con Engie Italia, società che si occupa di efficienza energetica e sviluppo sostenibile, Gruppo Generali e l'operatore Wind Tre. La compagnia era stata acquisita ad inizio 2014 da Google ad un prezzo di 3,2 miliardi di dollari e allora la definivamo un'azienda sconosciuta.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7717 Gennaio 2017, 13:54 #1
va bene che è "SMART" ma un buon cronotermostato con schermo touch e regolazioni dettagliate viene via a 40 euro eh. Per duecento euro in più spero ci sia inclusa una ventiduenne infoiata.

E diciamola tutta.. a meno che tu non debba tenere sotto controllo costante la temperatura di un laboratorio sperimentale, un termostato del genere non serve a una forca.
Inutilità che aumenta drasticamente con i moderni sistemi di riscaldamento a pavimento con annessa caldaia a condensazione o pompa di calore.
L'inerzia termica infatti è talmente elevata che in sostanza la temperatura resta sempre costante con oscillazioni minime e il sistema si attiva da solo ogni tot per mantenere i livelli.
Pier Silverio17 Gennaio 2017, 13:55 #2
Qualcuno sa dirmi se comprando questo termostati smart riesco ad usufruire di qualche deduzione dalle tasse? Se non ricordo male nel 2015 se ne era accennato, ma non so come sia ora.
demon7717 Gennaio 2017, 14:13 #3
Originariamente inviato da: Pier Silverio
Qualcuno sa dirmi se comprando questo termostati smart riesco ad usufruire di qualche deduzione dalle tasse? Se non ricordo male nel 2015 se ne era accennato, ma non so come sia ora.


che io sappia non c'è nulla del genere per un semplice cambio di termostato.. anche perchè il guadagno sarebbe ben misero.
turcone17 Gennaio 2017, 14:21 #4
prezzi assurdi l'unico che si salva è il termostato per il resto c'è di meglio e a prezzi minori
ivanisevic8217 Gennaio 2017, 15:07 #5
Originariamente inviato da: demon77
va bene che è "SMART" ma un buon cronotermostato con schermo touch e regolazioni dettagliate viene via a 40 euro eh. Per duecento euro in più spero ci sia inclusa una ventiduenne infoiata.


Se ne conosci uno che per 40 euro è anche wifi e si interfaccia con lo smartphone e non sia una cineseria della peggiore specie, fammi sapere, mi interessa!
MaxP417 Gennaio 2017, 15:14 #6
Confrontando gli ultimi 2 anni in cui ho installato il termostato Netatmo (che costa un po' meno e ha un funzionamento simile) con i 5 anni precedenti ho avuto un risparmio tra i 250 e i 350 euro/anno.

Ho una caldaia a metano e caloriferi a parete. Nel mio caso l'investimento si è abbondantemente ripagato! Il Nest ha qualche chicca in più ed un design davvero bello... e prenderà il posto del Netatmo che sposterò in ufficio.
alecns17 Gennaio 2017, 15:24 #7
Invece è utile.
Se lo installi a casa puoi abbassare la temperatura quando non ci sei (lo può fare anche lui da solo eventualmente) oppure alzarla quando stai per tornare, puo' farti risparmiare parecchio.
Anche se hai una seconda casa puo' essere comodissimo.
Poi la programmazione da app è di una comodità estrema.

(Chissà perchè hanno messo in'immagine di un termostato di generazione precedente...)
Tasslehoff17 Gennaio 2017, 16:10 #8
Originariamente inviato da: alecns
Invece è utile.
Se lo installi a casa puoi abbassare la temperatura quando non ci sei (lo può fare anche lui da solo eventualmente) oppure alzarla quando stai per tornare, puo' farti risparmiare parecchio.
Anche se hai una seconda casa puo' essere comodissimo.
Poi la programmazione da app è di una comodità estrema.

(Chissà perchè hanno messo in'immagine di un termostato di generazione precedente...)
Beh ottimo, così starai sempre a rincorrere tra massimo e minimo raffreddando e riscaldando i muri di casa, probabilmente chi ti fornisce il gas ne sarà entusiasta.

Imho più che spendere vagonate di soldi per un interruttore (perchè è di questo che stiamo parlando un misero e banale interruttore) conviene farsi due conti e sostituire la caldaia con un modello a condensazione, oppure passare alle biomasse.
In abitazioni indipendenti il termostato è qualcosa che dovrebbe essere dimenticato, dovrebbe essere la caldaia a regolare correttamente la temperatura dell'acqua e di conseguenza quella ambientale riducendo al minimo gli sbalzi e quindi i consumi per recuperare il delta termico.

Non oso pensare poi a come verrà gestita la raggiungibilità da web del dispositivo, nattando un dispositivo a web senza alcuna idea di cosa questo esponga oppure dipendere da un servizio di terze parti che potrà raccogliere dati a piacimento e che un giorno magari sparirà lasciandosi dietro una pletora di dispositivi costosissimi a inutilizzabili?
E' la moda del momento, sindrome da IoT compulsiva, e intanto impazzano gli attacchi informatici che li sfruttano...
Cappej17 Gennaio 2017, 16:47 #9
wow! GIA' arrivato... a bhe...

nel frattempo ho preso un Netatmo... e devo dire che per il riscaldamento non è male.. e il risparmio sembra esserci.
Pier Silverio17 Gennaio 2017, 17:46 #10
Originariamente inviato da: demon77
che io sappia non c'è nulla del genere per un semplice cambio di termostato.. anche perchè il guadagno sarebbe ben misero.

Il "guadagno" consisteva, all'epoca, nel fatto che il 60% del costo del termostato ti veniva rimborsato come riduzione dell'IRPEF nell'arco di 10 anno. Che vuol dire pagare circa la metà questo apparecchio (perché non sono sicuro che fosse esattamente 60%). A me non sembra poco.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^