TV Vizio con il vizietto, spiano le abitudini degli utenti senza consenso

TV Vizio con il vizietto, spiano le abitudini degli utenti senza consenso

La compagnia ha confermato che ha spiato per anni le abitudini dei suoi clienti, accettando la multa della FTC per un valore complessivo di 2,2 milioni di dollari

di Nino Grasso pubblicata il , alle 15:21 nel canale Audio Video
 

I televisori Vizio non sono venduti ufficialmente in Italia, ma sono balzati agli onori della cronaca nel mese di novembre 2015 perché raccoglievano informazioni degli utenti senza che ne fossero consapevoli, spiando sulle abitudini di fruizione e sui contenuti riprodotti sul dispositivo. La FTC americana ha depositato lunedì un documento in cui viene spiegato il modo e il tipo di dati che Vizio raccoglieva, con la società che ha confermato l'operato e ha accettato di pagare 2,2 milioni di dollari promettendo la cessazione di ogni attività di raccolta senza consenso.

Vizio

A partire dal mese di febbraio del 2014 il software installato sui televisori Vizio ha raccolto una miniera d'oro di dati con le abitudini di visione dei propri clienti, che venivano inviati dal dispositivo ai server della società. I dati, che comunque non contenevano informazioni personali sensibili, venivano poi concessi a terze parti non meglio specificate per l'analisi statistica e il monitoraggio: "Il programma ACR non ha mai abbinato i dati con informazioni sensibili che avrebbero permesso l'identificazione dell'utente, e la Commissione non può affermare il contrario", ha dichiarato Vizio.

"Invece come la denuncia fa notare le pratiche contestate sono relative solamente all'uso delle informazioni di visione  per creare report di riepilogo per la misura dei comportamenti del pubblico". La FTC ha invece osservato che "in ogni caso l'imputato ha ricevuto informazioni altamente specifiche raccolte secondo per secondo sulla visione televisiva". Secondo la Commissione inoltre ogni riga dei rapporti fornisce informazioni su un singolo televisore e complessivamente dati "altamente specifici sui comportamenti di visione su una scala enorme e con grande accuratezza".

Una banca dati di notevole importanza che poteva essere utilizzata da inserzionisti e fornitori di contenuti multimediali per capire meglio le abitudini degli utenti di fronte al televisore e basare le proprie scelte commerciali su queste informazioni. Il software raccoglieva fino a 100 miliardi di dati ogni giorno da più di 10 milioni di televisori Vizio, che venivano abbinati ad informazioni come "sesso, età, reddito, situazione coniugale, dimensioni e valore del domicilio, livello di educazione" del proprietario. La raccolta dei dati non veniva neanche  eseguita con protocollo di trasmissione HTTPS.

Per sedare le accuse Vizio ha dovuto pagare una multa di 1,5 milioni di dollari alla FTC e 700 mila dollari alla New Jersey Division of Consumer, e dovrà cancellare tutti i dati raccolti e archiviati entro il prossimo 1 marzo. Per tutte le successive campagne di raccolta dati, inoltre, dovrà chiedere preventivamente ed esplicitamente il consenso degli utenti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
H.D. Lion08 Febbraio 2017, 15:41 #1
"TV Vizio con il vizietto" ah ah ah lol bella battuta.. A quando un'inchiesta sulle tv vendute in Europa..
nonsidice08 Febbraio 2017, 15:45 #2
Come diavolo fa una tv a sapere "sesso, età, reddito, situazione coniugale, dimensioni e valore del domicilio, livello di educazione" dell'utente ??
mica chiede queste info alla prima accensione voglio sperare !! altrimenti veramente fesso l'utonto e mettercele.
Portocala08 Febbraio 2017, 15:46 #3
Ottimo titolo da Donna 2000 quando si tratta di violazione della privacy.

Originariamente inviato da: nonsidice
Come diavolo fa una tv a sapere "sesso, età, reddito, situazione coniugale, dimensioni e valore del domicilio, livello di educazione" dell'utente ??
mica chiede queste info alla prima accensione voglio sperare !! altrimenti veramente fesso l'utonto e mettercele.

Tra le app c'erano Facebook, Yahoo, Netflix, Amazon e suppongo attraverso quelli possano aver reperito le informazioni (nelle prime due, una data di nascita c'è di sicuro).
alexdal08 Febbraio 2017, 17:02 #4
In USA se metti nome e cognome di una persona trovi tutto ma proprio tutto.
abitazione telefono reddito condanne penali multe non pagate ecc ecc.

Se la tv e connessa a internet la prima volta ti ha chiesto una mail ed appunto se hai l'account FB Twitter ecc ecc trovi tutto.

Sono i database BigData che processano miliardi di dati.

Cosa molto difficile in Europa.

Anche se sinceramente se una apparecchiatura memorizza l'uso per farne statistiche non mi interessa proprio, anzi in futuro avremmo apparecchi migliori.

L'importante che non vengano diffusi dati che io vedo quel canale e alzo o abbasso il volume ecc ecc.

Ma se si sa che si preferisce quella luminosita' con quei canali che si usano piu' certe cose o altre o funzioni che sembravano necessarie nessuno le usa allora si puo' migliore il software.

luki08 Febbraio 2017, 17:46 #5
Il nome è già un programma.
Marca mai sentita.
Adamo K.08 Febbraio 2017, 19:01 #6

Come LG

Su un sito / blog online qualche mese fa era presente un analogo fatto, scoperto da un ingegnere inglese sul suo LG, in praticava ci monitorano tutto quello che passa dalla TV e con cosa (HDD esterni, Web interno o software vari), adesso bisognerebbe sapere se lo fanno tutti (Secondo me SI) e se lo fanno dargli delle VERE spazzolate al portafoglio e non ridicole multe da 2 soldi a fronte di guadagni certamente molto più elevati.
Nui_Mg08 Febbraio 2017, 19:38 #7
Originariamente inviato da: Portocala
Tra le app c'erano Facebook, Yahoo, Netflix, Amazon e suppongo attraverso quelli possano aver reperito le informazioni (nelle prime due, una data di nascita c'è di sicuro).

Ovviamente solo se la mette l'utente stesso
Enderedge08 Febbraio 2017, 19:44 #8
Interessante il fatto che si siano scandalizzati per una raccolta dati (che fanno più o meno quasi tutti i provider a cominciare da Google e MS) e contemporaneamente probabilmente hanno account di Facebook, Twitter, ecc. ecc. che, questi si, tracciano tutto ...
La raccolta dati è "la regola" ... poi se li scoprono ... ne faranno un'altra :-)
tommy2008 Febbraio 2017, 23:46 #9
Non capisco quali siano le differenze con smart tv samsung,visto che all prima accenzione firmi un contratto dove abilitando il comando vocale acconsenti al fatto di essere registrato e le registrazioni possono essere date a ditte terze..
globi09 Febbraio 2017, 01:45 #10
Se questa società volesse entrare nel mercato italiano dovrebbe prima cambiare nome.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^