TEAC presenta TN 280 e TN 180: quando il vinile incontra il Bluetooth

TEAC presenta TN 280 e TN 180: quando il vinile incontra il Bluetooth

TEAC coniuga vecchio e nuovo con i suoi due ultimi giradischi, il TN 280 e il TN 180. Entrambi sono dotati di connettività Bluetooth, all'estremo opposto dei vinili che riproducono

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Audio Video
Teac
 

Vecchio e nuovo sono in costante incontro e si contaminano a vicenda in tutte le attività umane. Talvolta, però, a incontrarsi sono vecchio e nuovo in maniera inaspettata. È questo il caso per i nuovi giradischi di TEAC, il TN 280 e il TN 180, che mettono insieme i vinili e la tecnologia Bluetooth.

TEAC TN 180

Con il ritorno dei vinili all'attenzione del grande pubblico, sempre più produttori stanno proponendo soluzioni che fanno incontrare i vinili con le ultime tecnologie. Sia il TN 280 che il TN 180 sono dotati di connettività Bluetooth e si posizionano nella fascia entry-level del mercato dei giradischi; le differenze tra i due modelli sono principalmente da ricercare nella scelta dei materiali.

TEAC TN 280

Il TN 280 utilizza infatti una base in legno, un piatto in alluminio pressofuso ed è dotato di antiskating, laddove invece il TN 180 utilizza una base in legno accompagnata da un piatto in plastica. Entrambi i giradischi sono dotati di preamplificatore phono che permette di collegarvi direttamente un sistema di altoparlanti (tramite connettori RCA) senza la necessità di un preamplificatore esterno, sebbene supportino anche questa seconda opzione. La trasmissione è in entrambi i casi a cinghia.

Il TEAC TN 280 è disponibile nelle colorazioni nero e noce a 299€, mentre il TEAC TN 180 è disponibile a 199€ nelle variati nera, bianca o ciliegio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

38 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s-y16 Ottobre 2018, 15:55 #1
uhm
Ginopilot16 Ottobre 2018, 16:15 #2
Ormai la presa in giro per i fautori de "il vinile suona meglio" è piu' che palese.
s-y16 Ottobre 2018, 16:56 #3
e certo, il prodotto (prodotto come minimo discutibile) è stato realizzato per prendere in giro un'opinione (discutibile anch'essa, come il suo contrario peraltro)
chissà avranno raccolto i progettisti in giro per i forum?
the_joe16 Ottobre 2018, 17:09 #4
Vabbè oh, ma il 280 ha anche l'antiskating eh!

Boh, negli anni 70/80 lo avevano anche i giradischi di cartone, ora è un lusso?

Poi sul suona meglio questo o quello non mi pronuncierei nemmeno se non fosse che è questione di mettere a confronto la precisione possibile data da un tornio di incisione meccanico e una enfasi/deenfasi RIAA effettuata tramite filtri analogici rispetto ad una catena tutta digitale.
il_CBR16 Ottobre 2018, 20:08 #5
Originariamente inviato da: Ginopilot
Ormai la presa in giro per i fautori de "il vinile suona meglio" è piu' che palese.


Il vinile "suona", proprio come uno strumento musicale e, proprio come esso, un giradischi va settato ed affinato per esprimersi al meglio (cosa che peraltro saprà fare forse una minima percentuale di coloro che utilizzano il supporto).
Il vinile "interpreta" un brano, a seconda delle sue infinite combinazioni testina-piatto-preamplificatore phono.

Un file digitale viene semplicemente convertito da 0-1 in segnale elettrico, restituendo sempre lo stesso identico messaggio.

Sulla carta è senza ombra di dubbio superiore il dominio digitale, in realtà spesso non è così.

IMHO non ha senso acquistare giradischi come questi, se non per togliersi lo sfizio di maneggiare il vinile, dato che il risultato tende sempre allo scarso.
Il vinile e il giradischi richiedono una cura, uno studio e un'attenzione che pochi sono disposti a riservargli.
Una cifra minima per iniziare in modo decoroso si aggirerebbe sui 300 euro per un giraLP usato ma buono, sui 200 per una testina con uno stilo decente e sui 200 per uno stadio phono RIAA usato di buona qualità; se si ha una disponibilità inferiore non conviene nemmeno avventurarsi, pena una cocente delusione.
Se poi aggiungiamo il costo di una lavadischi (indispensabile se si vuole ascoltare la sola musica senza rumori e pop vari), sui 400 euro nuova, quanti rimangono sulla barca?
Ginopilot16 Ottobre 2018, 20:50 #6
Il digitale come mezzo non può che essere superiore al vinile, sempre. Chi sa quante patacche come questa ci vorranno prima di sfatare questo falso mito dei giorni nostri.
Notturnia17 Ottobre 2018, 08:30 #7
che tristezza vedere un marchio come TEAC ridotto a fare queste porcherie..
il_CBR17 Ottobre 2018, 10:05 #8
Originariamente inviato da: Notturnia
che tristezza vedere un marchio come TEAC ridotto a fare queste porcherie..


Concordo, ma se si vuol rimanere sul mercato qualche compromesso va adottato...
giorgio.gilardoni17 Ottobre 2018, 10:42 #9

Giorgio

Ma piantatela di prendere in giro gli incompetenti! Il bello del vinile è che è ANALOGICO. Se c'è il bluetooth vuol dire che il segnale viene campionato e diventa DIGITALE. Così ai difetti del digitale (perdita di frequenze)si SOMMANO i difetti dell' analogico (frusii, rumore.....). Bell' affare.
Il giradischi vale solo se il PREAMPLIFICATORE PHONO, che ritengo essere analogico, viene direttamente collegato all' ingresso analogico dell' amplificatore di potenza che pilota gli altoparlanti.
E' così difficile da capire ?
the_joe17 Ottobre 2018, 11:00 #10
Originariamente inviato da: il_CBR
Il vinile "suona", proprio come uno strumento musicale e, proprio come esso, un giradischi va settato ed affinato per esprimersi al meglio (cosa che peraltro saprà fare forse una minima percentuale di coloro che utilizzano il supporto).
Il vinile "interpreta" un brano, a seconda delle sue infinite combinazioni testina-piatto-preamplificatore phono.

Un file digitale viene semplicemente convertito da 0-1 in segnale elettrico, restituendo sempre lo stesso identico messaggio.

Sulla carta è senza ombra di dubbio superiore il dominio digitale, in realtà spesso non è così.

IMHO non ha senso acquistare giradischi come questi, se non per togliersi lo sfizio di maneggiare il vinile, dato che il risultato tende sempre allo scarso.
Il vinile e il giradischi richiedono una cura, uno studio e un'attenzione che pochi sono disposti a riservargli.
Una cifra minima per iniziare in modo decoroso si aggirerebbe sui 300 euro per un giraLP usato ma buono, sui 200 per una testina con uno stilo decente e sui 200 per uno stadio phono RIAA usato di buona qualità; se si ha una disponibilità inferiore non conviene nemmeno avventurarsi, pena una cocente delusione.
Se poi aggiungiamo il costo di una lavadischi (indispensabile se si vuole ascoltare la sola musica senza rumori e pop vari), sui 400 euro nuova, quanti rimangono sulla barca?


Hai definito perfettamente cosa NON può definirsi ALTA FEDELTA' perchè la catena di riproduzione dovrebbe limitarsi a riprodurre la registrazione dell'evento originale SENZA alterarlo in alcun modo.

Il vinile "interpreta" un brano, a seconda delle sue infinite combinazioni testina-piatto-preamplificatore phono.

Appunto interpretazione non è riproduzione fedele.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^