Il Ministro della Cultura propone una legge anti-Netflix: tre mesi tra lancio al cinema e in streaming

Il Ministro della Cultura propone una legge anti-Netflix: tre mesi tra lancio al cinema e in streaming

Il Ministro della Cultura Bonisoli propone una legge che ostacoli Netflix e protegga i cinema: i film italiani dovranno essere lanciati nelle sale e dovranno passare 90 giorni prima di poterli vedere in streaming

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Audio Video
Netflix
 

Fa molto discutere la proposta del Ministro della Cultura Alberto Bonisoli di impedire la diffusione dei film prodotti in Italia sui servizi di streaming prima (o senza) che vengano inseriti nei palinsesti dei cinema. La misura punta a proteggere i cinema dall'assalto dei servizi di streaming come Netflix e Amazon.

La proposta riportata da AFP prevede un limite di 105 giorni tra il lancio nei cinema e quello sui servizi di streaming - con il lancio nei cinema che diventa passaggio obbligatorio - con un abbassamento a 60 giorni nel caso i film vengano mostrati in meno di 80 cinema o visti da meno di 50.000 persone nelle prime tre settimane.

Come ha dichiarato Bonisoli, "con questo decreto stiamo spingendo alcuni film direttamente, o più facilmente, verso una commercializzazione più semplice. È importante proteggere i cinema, che per continuare a operare necessitano di film che garantiscano un introito".

L'Italia si allinea dunque, almeno a livello di proposta e di principio, alla Francia: oltralpe hanno infatti stabilito che dovranno passare ben tre anni dal momento di uscita di un film al cinema al momento in cui i servizi di streaming potranno inserire il titolo nel proprio catalogo. La legge francese è la più restrittiva del mondo.

Queste misure, però, sembrano voler proteggere un mondo che sta andando verso la naturale estinzione a causa dei cambi culturali e a causa delle differenze in termini di disponibilità e prezzi dell'accesso ai contenuti. Sono però soprattutto i primi ad aver causato il progressivo declino dell'affluenza nei cinema negli ultimi vent'anni, e non sarà possibile convincere le persone a tornare al vecchio modello per legge. Con le dovute differenze, la situazione non è dissimile da quella di Blockbuster e del noleggio di DVD e videocassette, schiacciati dallo streaming e a loro volta causa di un calo di affluenza nei cinema.

Come ha dichiarato Francesco Rutelli, presidente di Anica, "i giganti dello streaming come Netflix fanno molti soldi in Italia senza creare posti di lavoro, mentre la loro politica di investimenti è tutt'altro che trasparente. Ma pensare di bloccare il percorso di Netflix o di altre piattaforme, che non faranno che crescere, è sia illusorio che inutile". Fermare il progresso - che si veda questa parola hegelianamente in senso positivo o no - non è possibile.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

54 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Braccop22 Novembre 2018, 10:05 #1
who cares?

le produzioni italiane sono gia' abbastanza scadenti, non credo nessuno si strappera' i capelli per qualche settimana in piu' prima che siano disponibili in streaming...
futu|2e22 Novembre 2018, 10:07 #2
Fermare il progresso - che si veda questa parola hegelianamente in senso positivo o no - non è possibile.


Se il progresso deve portare ad un abbassamento della qualità in generale,
ad uno svilimento delle opere e ad un mercato basato solo su contenuti
"di consumo", per me fanno bene ad intralciare il "progresso". Che poi tanto
progresso non è.
Cloud7622 Novembre 2018, 10:11 #3
Secondo me è giusto, peccato che le produzioni italiane siano poche e che al resto del mondo freghi meno di zero. Bisognerebbe farlo in generale ma probabilmente non si può.
Mi sembra giusto rispettare certe "scadenze", prima il cinema, poi streaming/tv a pagamento, poi sulla tv libera, con tempistiche scaglionate.
nebuk22 Novembre 2018, 10:17 #4
Mah, l'intervallo fra cinema e streaming ci può stare ma l'obbligatorietà di passare per forza dal cinema è discutibile.

Più che altro la gente va meno al cinema perché ormai è davvero costoso ed assomigliano sempre più a centri commerciali con 20 minuti id pubblicità.
Senza contare la bassa qualità della produzione italiana.
KappaEA22 Novembre 2018, 10:19 #5
La trovo una legge veramente da medioevo, a parte che i cinema costano un braccio, hanno anche messo 2€ di tasse per finanziare cinecittà e film italiani (che naturalmente non riescono ad incassare quanto speso in quanto per la maggior parte è spazzatura di bassa lega vedi cinepanettoni annuali).

Il cinema dalle mie parti costa 10€ a persona (con mezz'ora di pubblicità dopo che hai pagato così tanto), netflix costa meno e dà molta più qualità... spero vivamente che non passi quest'obrobrio o mi toccherà prendere una buona VPN e cambiare account per lo streaming (servizio che pago regolarmente e su cui prendono tasse stì balordi)
Notturnia22 Novembre 2018, 10:22 #6
trovo corretto il discorso.
o si decide che è giusto licenziare tutti gli addetti dei cinema e rovinare anche quel settore o, se vogliamo mantenere quei posti di lavoro, vanno tutelati
Ragerino22 Novembre 2018, 10:23 #7
Il ministro dell'ignoranza?

A parte il fatto che delle produzioni italiane non gliene frega quasi a nessuno. A parte questo, lo streaming consentirebbe una maggior diffusione, delle due. Sembra quasi una legge per proteggere l'industria dei cinema. Non vedo come questa mossa possa andare a favore del consumatore.
Sono le solite mosse protezioniste, che creano l'effetto contrario a quello voluto.
fano22 Novembre 2018, 10:24 #8
Così i pochi film che Netflix produceva in Italia (e che mi sa erano pure quei pochi che incassavano) non li faranno più...

Speriamo che non arrivino a vietare direttamente Netflix in Italia per salvare i cinepanettoni
futu|2e22 Novembre 2018, 10:24 #9
Netflix ha un palinsesto cinema insignificante in compenso, anche solo se si
considera i blockbuster che passano al cinema.
futu|2e22 Novembre 2018, 10:26 #10
Originariamente inviato da: Ragerino
Sembra quasi una legge per proteggere l'industria dei cinema.


Ma va? Non è un mercato malavitoso ed è la parte fondamentale della settima arte.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^