Ha senso un giradischi nel 2019? L'opinione di Tom DeVesto di Como Audio

Ha senso un giradischi nel 2019? L'opinione di Tom DeVesto di Como Audio

In occasione del lancio del giradischi Bluetooth Como Audio Turntable BT ho fatto quattro chiacchiere con il fondatore del marchio Tom DeVesto su vinili, tecnologia e qualità audio

di pubblicata il , alle 15:41 nel canale Audio Video
Como Audio
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

72 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
NickNaylor08 Luglio 2019, 21:59 #21
non capisco perchè scandalizzarsi, l'analogico se si fanno le cose fatte per bene suona meglio e basta, il digitale ha 10000 pregi ma un filo sulla pura qualità lo perde.
stessa cosa delle macchine fotografiche a pellicola vs digitale insomma.
c'è quella nicchia che non è disposta al minimo compromesso e si incasina la vita con il vinile, valvole, connettori in oro e chi più ne ha più ne metta, altri che semplicemente sono dei collezionisti e per loro il vinile è semplicemente lo strumento per soddisfare il lato ludico del raccogliere dischi ma con gli impianti non è che spendano follie.
Zenida08 Luglio 2019, 22:39 #22
Va beh il discorso Vinile + BT non è proprio un controsenso.
Alla fine, una volta che il giradischi "legge" la traccia audio la converte in un suono digitale (si spera lossless) che invia tramite BT senza perdere qualità.

Mentre via cavo, se tutto resta analogico, la qualità può solo peggiorare in base alle condizioni del cavo, materiale, lunghezza, ecc.

Si può discutere all'infinito su quale suono sia più bello da ascoltare. Ma TECNICAMENTE è ovvio che il digitale offre il massimo della qualità sonora.
GaryMitchell08 Luglio 2019, 22:49 #23
L'ultimo colpo di coda prima che i vinili prodotti dal 40 al 70 inizino a sfrantumarsi, è gia' gia' hanno una vita limitata, fisicamente il supporto inizia a sbriciolarsi dopo 30 anni, per non parlare dell'attrito della testina in diamante, della polvere tra la testina e i solchi.

Tecnologia morta e sepolta, forse per i nostalgici, ma se parliamo di tecnologia... il famoso pregio della dinamica del vinile è stato tranqullamente equiparato e surclassato dall'avvento dei 48/96khz a 24/32 bit.

Evviva il digitale, si forse il vinile si trascina quel senso di "vero e antico", ma preferisco mille volte un supporto digitale di qualità, se poi voglio l'effetto "polvere sui solchi" scarico l'app apposita per fare quello e anche l'effetto grammofono, per gli ipernostalgici.

https://play.google.com/store/apps/...ge&hl=en_US
vakasaki09 Luglio 2019, 00:11 #24
Giradischi e BT effettvamente è un controsenso ma la gioventù digitale di oggi cerca questo.Alla faccia della qualità audio....l'importante che ci siano i bit, l'usb, i convertitori, il BT, le APP e ....loro sono contenti così....in fondo basta pochino per accontentarli !
La qualità del BT ....vuoi mettere con la qualità di un cavo ? Il cavo degrada e il BT invece migliora...."legge la traccia audio la converte in un suono digitale ...." ahahahahahahahahah....fantastico !!
E dire che fior di tecnici non avevano pensato a questa "fantastica " soluzione....sono rimasti ancora al cavo.....sarà per la tecnologia miniutarizzata integrata.....ahahahahahah...madòooo
Vinili che si sfrantumano, testine di diamante con atriti, polvere .....manca solo "morirete tutti tra atroci dolori appena acceso il giradischi"
Come se i CD o i DVD durassero in eterno così come le pennine usb.....e i lettori CD/DVD non avessero mai problemi di ottica o di laser
demitri[ITA]09 Luglio 2019, 00:12 #25
Per far suonare bene un vinile ci vuole :

1)che il vinile sia "stampato" dal master (cosa da dopo gli anni 2000 non accade nel 99.9% dei casi, i dischi che sono in vendita adesso sono mere ristampe dei cd su un diverso supporto).
2)ci vuole un giradischi BUONO che costa un botto, e poi va tarato a puntino (cosa che se non la sai fare costa un'altro botto farsela fare)
3)la puntina deve essere eccellente e una puntina eccellente costa due botti e mezzo
3)il preamplificatore che può costare da un paio di botti a un paio di utilitarie... in ogni caso non ci si cava le gambe con poco.
4)l'amplificatore idem come sopra
5)le casse, considerando che l'equazione per calibrare un'impianto è: se hai 100 80 va nelle casse 20 il resto, fatevi i conti da soli di quanti botti servono.
6)NO BLUETOOTH!

Ricapitolando se non siete amanti/collezionisti di prime stampe originali di roba degli anni 70 lasciate perdere, se pensate con meno di un migliaio di euro di cavarvela lasciate perdere e ascoltate i cd, il vinile per suonare IN TEORIA meglio del digitale ha bisogno di un impianto come sopra, il resto è psicoacustica
elgabro.09 Luglio 2019, 00:22 #26
Ma quale CD il CD è morto, musica liquida su NAS e DAC/streamer di rete.

Meglio ancora se la musica è presa da un catalogo sterminato come Spotify/TIDAL.
xxxyyy09 Luglio 2019, 00:37 #27
Originariamente inviato da: elgabro.
Ma quale CD il CD è morto, musica liquida su NAS e DAC/streamer di rete.

Meglio ancora se la musica è presa da un catalogo sterminato come Spotify/TIDAL.


Gli audiofili (molto danarosi) dicono che i CD convertiti in DSD256 rendono molto bene (meglio del vinile).
Certo è che il PureAudio o il DSD256 (e oltre) spaccano il culo al vinile.
marcowave09 Luglio 2019, 01:00 #28

Lunga vita al vinile e al CD!!!

Lunga vita al vinile e al CD!!!

Tutti conti fatti, i supporti fisici sono meno inquinanti della musica liquida (server su server su server che vanno alimentati e raffreddati 24/24 e che pare consumino ed inquinino di più della produzione e distribuzione di tutti i supporti fisici mondiali messi assieme). Non ho alcun abbonamento su internet e compro e ascolto la musica quasi esclusivamente "vecchia maniera"..

Diciamo che i CD e i Vinili, al di la della qualità audio, hanno un effetto psicologico affettivo per chi li acquista. Mettere su un vinile, vederlo girare, ascoltarlo, guardarsi la copertina e l'interno... tutto questo da ancora più valore alla musica, al di la della qualità audio pura e semplice.

chaosblade09 Luglio 2019, 06:21 #29
il magnete si muove ancora in modo analogico quindi...
gianluca.f09 Luglio 2019, 08:30 #30
Originariamente inviato da: NickNaylor
non capisco perchè scandalizzarsi, l'analogico se si fanno le cose fatte per bene suona meglio e basta, il digitale ha 10000 pregi ma un filo sulla pura qualità lo perde.
stessa cosa delle macchine fotografiche a pellicola vs digitale insomma.
c'è quella nicchia che non è disposta al minimo compromesso e si incasina la vita con il vinile, valvole, connettori in oro e chi più ne ha più ne metta, altri che semplicemente sono dei collezionisti e per loro il vinile è semplicemente lo strumento per soddisfare il lato ludico del raccogliere dischi ma con gli impianti non è che spendano follie.


Guarda che in campo fotografico il digitale ha superato la pellicola già da parecchi anni, sia come risoluzione che gamma dinamica.
Che poi si possano fare cose stupende (come si sono sempre fatte) anche oggi a pellicola nessuno lo nega. Ma c'è tanto effetto nostalgia.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^