Cambridge Audio Melomania 1: le cuffie true wireless con il miglior rapporto qualità/prezzo?

Cambridge Audio Melomania 1: le cuffie true wireless con il miglior rapporto qualità/prezzo?

L'interpretazione TWS di Cambridge Audio effettuata con queste Melomania 1 è certemente molto interessante e in considerazione del prezzo di listino di 99€ le rende forse le migliori cuffie senza fili sotto il profilo del rapporto qualità/prezzo. La nostra recensione

di pubblicata il , alle 17:41 nel canale Audio Video
Cambridge Audio
 

Il British Sound di Cambridge Audio

Cambridge Audio è un marchio che è certamente noto agli audiofili, ma che sta cercando sempre più di fare breccia anche nel pubblico più generalista. Il marchio è nato nel 1968 da alcuni laureati dell'università di Cambridge con il primo prodotto, Cambridge Audio P40, il primo amplificatore integrato con trasformatore a nucleo toroidale, divenuto poi un elemento molto utilizzato in questo tipo di apparecchi. Negli anni i tecnici hanno introdotto altre interessanti novità nel mondo dell'audio, come il CD1, il primo lettore CD a due corpi, con DAC separato dal corpo di alimentazione. Negli anni più recenti troviamo poi diversi lettori connessi nella gamma del produttore, ma anche casse wireless e sistemi audio dedicati agli home theater, oltre - naturalmente - a un buon numero di prodotti dedicati all'amplificazione. Tutti i prodotti hanno un fil rouge che li unisce, la ricerca del 'British Sound', interpretazione della masterizzazione tipica dei più famosi studi di registrazione britannici, dai tempi dei Beatles a oggi. Una masterizzazione dei brani che punta a evitare ogni eccessiva coloritura, cercando di preservare i suoni 'così come sono stati registrati', evitando - ad esempio - l'enfasi sui bassi più tipica della scuola statunitense.

Con le cuffie True Wireless Stereo Melomania 1 Cambridge Audio vuole allargare il suo bacino di pubblico, ma lo vuole fare preservando la filosofia del suono britannico e cercando di mettere la qualità audio in prodotto pensato per la mobilità. La base da cui sono partiti i tecnici è un driver dinamico con diaframma da 5,8 millimetri con strati in grafene. Per quanto riguarda l'elettronica la base è il collaudato chip Qualcomm QCC3026, che porta con sé la tecnologia Bluetooth 5.0 (a basso consumo) e la compatibilità con diversi codec audio: il classico SBC, ma anche quelli ad elevata qualità AAC e aptX, quest'ultimo in particolare pensato per ottenere anche la minima latenza. Al chip Qualcomm è demandata anche la cancellazione del rumore del microfono MEMS.

Gli auricolari hanno una forma a proiettile e sono molto piccoli e leggeri, fermando la bilancia a 4,6 grammi l'uno, con una custodia di ricarica anch'essa molto compatta e leggera (59x50x22 millimetri e 37 grammi). Entrambi sono certificati IPX5 in merito alla resistenza ali agenti atmosferici e non temono sudore e schizzi d'acqua. Gli auricolari offrono 9 ore di autonomia dichiarata e la custodia offre energia per 4 ricariche, con un'autonomia totale dichiarata in 45 ore (9+36). La confezione è molto semplice e include gli auricolari, la custodia, gommini di ricambio e cavo per la ricarica. Tra le olive auricolari fornite in dotazione troviamo tre misure di quelle in silicone e una coppia di dimensione media in memory foam, aggiunta molto gradita. Nota stonata il connettore di ricarica della custodia, che utilizza lo standard MicroUSB e non il più moderno Type-C.

Cambridge Audio Melomania 1: ergonomia

Come ripeto spesso, le cuffie TWS rappresentano sempre una sfida per i produttori: da un lato bisogna inserire tanti componenti per assicurarne il funzionamento, dall'altro si devono contenere al massimo il peso e le dimensioni. Cambridge Audio per le sue Melomania 1 ha puntato su dimensioni ridotte all'osso. La leggerezza è certamente una delle caratteristiche subito apprezzabili e una volta ben inseriti gli auricolari non danno fastidio nell'orecchio e rimangono anche agganciati in modo saldo, soprattutto con le olive in memory foam.

Viste le dimensioni compatte e la forma a proiettile, l'inserimento è una fase un po' critica, non offrendo gli auricolari un solido appiglio. Le prime volte bisogna trovare la tecnica giusta e in ogni caso, anche con i gommini in silicone, è necessario lavorare un po' per trovare il giusto posizionamento. Non sono certamente auricolari dal 'metti e togli' facile come le AirPods di Apple e simili. Inoltre, quando si cerca di sistemarle capita molto spesso di premere inavvertitamente il pulsante posto su ogni auricolare, fermando o avviando la canzone. Il bottone è molto sensibile al tocco, e ciò è una buona cosa in quando non bisogna schiacciare troppo per impartire i comandi, evitando così una pressione eccessiva nel canale auricolare, ma è fin troppo facile schiacciarlo mentre si cerca la posizione corretta all'interno dell'orecchio. Con i singoli pulsanti si può fare tutto. Avviare e fermare la riproduzione musicale, andare avanti e indietro di traccia con un doppio click a destra e sinistra, alzare e abbassare il volume con una pressione prolungata, attivare l'assistente vocale con una doppia pressione a musica in pausa.

Il design rotondo rende semplice l'inserimento all'interno della custodia di ricarica e non serve allineare i contatti: questi ultimi sono infatti costituiti dalla corona metallica che separa visivamente il corpo dall'oliva auricolare e dalla griglia protettiva del diaframma. All'inserimento la corona si posiziona correttamente grazie all'aggancio magnetico e un piccolo pin si occupa di chiudere il circuito toccando la griglia metallica. L'inserimento avviene in modo molto semplice con le olive in silicone, mentre quelle in memory foam , più grosse, creano una leggera resistenza. Non mi è mai comunque capitato che gli auricolari inseriti nella custodia non si caricassero.

Cambridge Audio Melomania 1: come suonano

Le Cambridge Audio Melomania 1 sono davvero ambasciatrici del British Sound? Ero un po' scettico in merito viste le dimensioni compatte e il singolo driver dinamico da 5,8 millimetri di diametro. Mi hanno però fatto ricredere in fretta. La fase di rodaggio è stata limitatissima e già dopo qualche ora di ascolto le cuffie sono arrivate a fornire un suono davvero ottimo, soprattutto molto equilibrato. Tutte le frequenze sono riprodotte in modo fedele, con molto meno enfasi sui alcuni toni rispetto ad altri modelli. La risposta è sufficientemente piatta da essere considerata in linea con l'aspettativa di fedeltà al suono made in Britain. I bassi, meno enfatizzati rispetto a quelli delle RHA TrueConnect, sono ben presenti, i medi chiari e gli alti sorprendentemente cristallini. Non siamo di fronte forse a un suono perfettamente 'flat', ma l'enfasi data ai toni alti e bassi c'è, è piacevole nell'ascolto in mobilità e non risulta mai eccessiva, risultando in una fedeltà molto buona. Buoni anche la scena sonora e il posizionamento degli strumenti, preciso, anche se leggermente meno ampio di quello delle RHA. Considerando che siamo di fronte a piccoli auricolari TWS il risultato della scena sonora e del posizionamento è veramente di rilievo. In media siamo di fronte ad auricolari true wireless stereo in grado di soddisfare i palati più fino, che balzano in testa alla mia classifica a pari merito con la proposta scozzese citata nelle righe qui sopra.

Cambridge Audio Melomania 1 non offrono sistemi di cancellazione attiva dei rumori esterni (ANC - Active Noise Cancelling) un trend molto in voga oggi. Utilizzando i gommini in memory foam l'isolamento passivo dai suoni esterni è comunque buono, sufficiente per l'utilizzo sui mezzi pubblici. I tecnici stanno comunque studiando questo tipo di tecnologie per i prodotti futuri: già nel 2020 la gamma true wireless dovrebbe allargarsi e forse puntando proprio su questa caratteristica.

Cambridge Audio Melomania 1: le chiamate telefoniche

Quando viene effettuato il pairing, è possibile accoppiare come apparecchi Bluetooth entrambi gli auricolari: in questo modo il primo che viene estratto agisce da master. La caratteristica è comoda per il fatto di poter utilizzare per le chiamate telefoniche tre modalità: il solo auricolare destro, solo il sinistro o entrambi in stereo. Come molti utenti, ho sperimentato qualche mancanza di stabilità nella connessione, forse dovuta al doppio accoppiamento: Cambridge Audio consiglia in quel caso di connettere un solo auricolare nella fase di accoppiamento, utilizzando sempre quello come master. In generale la connessione è buona, con un raggio d'azione sufficientemente ampio. Nella mia classica prova in redazione la connessione si mantiene fin quasi alla fine del corridoio. Altri auricolari arrivano a girare la curva e fino alla cucina, ma per un dispositivo pensato per la mobilità il raggio è più che sufficiente.

Le chiamate telefoniche hanno una qualità buona in contesti silenziosi, ma diventano più difficoltose in ambienti rumorosi. Certamente il posizionamento del microfono è uno dei punti critici di questi auricolari: nella forma a proiettile, il microfono ha a disposizione semplicemente un piccolo foro per captare il suono della nostra voce. Inoltre il design a proiettile del tutto simmetrico rende difficile il giusto posizionamento del foro del microfono, indirizzandolo verso la bocca. Nella fase di inserimento è infatti molto facile ruotare leggermente l'auricolare e far finire il microfono fuori asse: solo un piccolo incavo sul bottone dell'auricolare aiuta a orientarsi e a capire se l'orientazione è corretta.

Cambridge Audio Melomania 1: conclusioni

Non sono perfette nel complesso, considerando l'ergonomia e la qualità delle chiamate telefoniche, ma una volta inserite correttamente offrono una qualità audio invidiabile: ottimo bilanciamento dei toni, buona scena sonora e posizionamento degli strumenti. Il protocollo aptX a bassa latenza le rende adatte anche all'utilizzo per la fruizione di contenuti video, mantenendo bassissima la latenza. Qualche utente lamenta scarsa stabilità della connessione Bluetooth: io ho sperimentato qualche problema durante una sessione di ascolto, ma dopo la riconnessione da zero degli auricolari non si sono più presentati. Sono disponibili due livree nera e 'stone': in entrambi i casi la sensazione toccando auricolari e custodia potrebbe essere resa più qualitativa: nella versione color pietra la custodia di ricarica assomiglia più a quella dei dispositivi di aiuto all'udito che a quella di auricolari per audiofili. Peccato per l'utilizzo della porta MicroUSB per la ricarica della custodia e non della più moderna USB-C.

L'interpretazione TWS di Cambridge Audio effettuata con queste Melomania 1 è certemente molto interessante e in considerazione del prezzo di listino di 99€ le rende forse le migliori cuffie senza fili sotto il profilo del rapporto qualità/prezzo sotto il profilo dell'ascolto musicale.

[HWUVIDEO="2891"]Cambridge Audio Melomania 1: le TWS con il miglior rapporto qualità/prezzo?[/HWUVIDEO]

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^