Bower & Wilkins acquisita dalla start-up Eva Automation

Bower & Wilkins acquisita dalla start-up Eva Automation

Lo storico produttore di diffusori audio è stato ceduto ad una start-up statunitense attiva solamente da due anni. Entrerà con maggiore decisione nelle smart-home?

di pubblicata il , alle 17:31 nel canale Audio Video
Bower & Wilkins
 

Bower & Wilkins ha prodotto accessori audio di altissima qualità negli ultimi cinquant'anni, tuttavia è stata acquisita da una compagnia nata solo da alcuni anni. Eva Automation, una start-up della Silicon Valley fondata dall'ex-CFO di Facebook Gideon Yu, è il nuovo proprietario del brand di apparecchi audio. Si tratta di una società con 40 impiegati con la missione di "realizzare prodotti che cambieranno il modo in cui la gente interagirà con la propria casa".

Bower & Wilkins

Al momento in cui scriviamo, tuttavia, Eva Automation non ha ancora rilasciato prodotti, né annunciato piani in tal senso. Ma perché un brand così consolidato come B&W è stato ceduto ad una compagnia così giovane? Il CEO Joe Atkins di B&W aveva parlato della possibilità di vendita lo scorso anno ancor prima dell'inizio delle trattative con Eva, sostenendo le difficoltà incontrate dalla compagnia nell'acquisire il know-how necessario per entrare a far parte delle moderne categorie audio.

È probabile che B&W voglia entrare in competizione con colossi del calibro di Amazon, con il suo Echo, nel settore dell'audio di consumo domestico ma per farlo ha bisogno del supporto di brand con maggiori competenze sul piano squisitamente informatico. Il primo prodotto nato dalla collaborazione dei due brand non arriverà prima della metà del 2017, almeno così ha dichiarato Gideon Yu. Nella lettera in cui viene annunciata l'acquisizione Yu ha spiegato: "Abbiamo molto, molto altro da annunciare sulla nostra visione e i nostri prodotti. Nel frattempo continueremo a lavorare sodo sviluppando un'esperienza A/V domestica altamente speciale, integrata e facile da usare, che so già che voi tutti amerete". 

L'acquisizione da parte di Eva Automation di un colosso già stabilito è una sorta di inversione di tendenza all'interno del mondo delle start-up. Solitamente sono le compagnie di vecchia data che inglobano i nuovi arrivati, ma in questo caso sta avvenendo proprio l'opposto. Nonostante non siano stati discussi i termini degli accordi fra le due realtà, Caledonia Investiments ha ceduto recentemente la sua quota del 20% per circa 24 milioni di sterline, quindi l'intero accordo potrebbe essere superiore ai 150 milioni di euro.

Atkins manterrà una quota significativa di B&W e rimarrà il CEO della joint venture, con Yu che servirà in qualità di presidente esecutivo. Nessun licenziamento sui 1100 dipendenti della società è stato pianificato, con anche l'attuale line-up di diffusori audio di B&W che rimarrà inalterata. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
acerbo04 Maggio 2016, 18:56 #1
Ma pensa te, é proprio vero che l'economia di oggi é assolutamente imprevedibile, non avrei mai pensato che una startup neonata potesse acquistare di punto in bianco un marchio di riferimento come B&W, ma evidentemente "l'audiofilia" non rendeva cosi' bene come pensassi.
Immagino che adesso smetteranno di produrre speaker classici e si concentreranno sulle minkiate iperconnesse, io continuero' a godermi le mie CM9 S2 cablate ad un marantz PM6005, alla faccia delle cagate smart e multiroom.
Ale55andr004 Maggio 2016, 19:26 #2
in verità B&W era prima passata dalla precedente e storica proprietà al distributore per il mercato americano, che ha acquistato l'intero brand. Anche la mundorf, azienda tedesca che produce componenti per crossover di altissima qualità (usati nelle b&w di fascia più alta) era divenuta proprietà B&W o per megliuo dire della proprietà che ha acquisito B&W...ora non so proprio che ne sarà del marchio anche se li si parla di nessun licenziamento e line up dei prodotti inalterata , ma è stranissima sta roba, perchè, per chi non conosce il marchio inglese, una simile manovra facendo una similitudine sarebbe un po' come l'acquisizione la ferrari da parte da un misconosciuto gruppo che si occupa di golf kart
Devono aver speso un occhio della testa perchè la strutture e il reparto R&D che hanno sono qualcosa di allucinante, è davvero un colosso dell'audio, il primo in inghilterra e uno dei primi al mondo... se non il primo
Ale55andr004 Maggio 2016, 19:35 #3
Originariamente inviato da: acerbo
evidentemente "l'audiofilia" non rendeva cosi' bene come pensassi.
.


veramente il settore dell'audio di qualità è in [U]fortissima crisi[/U], e non è solo una questione economica, seppur sia sicuramente buona parte della causa, ma anche "culturale". Mentre un tempo le gradi superfici offrivano anche prodotti audio di qualità, pur sempre di fascia consumer, e di vari marchi, ora vedi nella maggior parte dei casi solo mini impianti compatti stra economici e 4 componenti economicissimi separati di fascia ultra entry level ad andar bene, eppure... li accanto noti senza "pudori" pannelli TV da 75" e 5-6000euro...ergo è anche una questione di disinteresse...a ben vedere, o meglio sentire, non aveva/ha neppure senso investire in catene di riproduzione particolarmente performanti: la qualità media delle incisioni fa veramente defecare a causa della fortissima compressione dinamica voluta, non si sa perchè, dalle major del mondo musicale, cosa che rende i suoni oltre che irrealistici nella dinamica dei singoli strumenti, anche molto sporchi e impastati alle frequenze mediolte. Sono pochissime le etichette audiophile che producono dischi incisi a dovere, solo che a non tutti piace il jazz, la classica o qualche altro genere di nicchia...
acerbo04 Maggio 2016, 19:53 #4
Originariamente inviato da: Ale55andr0
veramente il settore dell'audio di qualità è in [U]fortissima crisi[/U], e non è solo una questione economica, seppur sia sicuramente buona parte della causa, ma anche "culturale". Mentre un tempo le gradi superfici offrivano anche prodotti audio di qualità, pur sempre di fascia consumer, e di vari marchi, ora vedi nella maggior parte dei casi solo mini impianti compatti stra economici e 4 componenti economicissimi separati di fascia ultra entry level ad andar bene, eppure... li accanto noti senza "pudori" pannelli TV da 75" e 5-6000euro...ergo è anche una questione di disinteresse...a ben vedere, o meglio sentire, non aveva/ha neppure senso investire in catene di riproduzione particolarmente performanti: la qualità media delle incisioni fa veramente defecare a causa della fortissima compressione dinamica voluta, non si sa perchè, dalle major del mondo musicale, cosa che rende i suoni oltre che irrealistici nella dinamica dei singoli strumenti, anche molto sporchi e impastati alle frequenze mediolte. Sono pochissime le etichette audiophile che producono dischi incisi a dovere, solo che a non tutti piace il jazz, la classica o qualche altro genere di nicchia...


Non ero assolutamente al corrente della crisi del hifi, deve essere l'ennesima vittima del made in china con etichette altisonanti come audio HD, super bass, hi res, airplay, aptx e cazzate varie.
Vabbé ce ne faremo una ragione, vedo tanta gente comprarsi le casse wifi bose e marshall che ho provato personalmente e che trovo RACCAPRICCIANTI, ma é vero pure che l'industria musicale ormai produce solo merda.
Per tanto tempo faro' ancora parte di quella nicchia di gente che ascolta dischi di 10/20 anni fà su impianti "vecchia generazione"
htpci04 Maggio 2016, 20:22 #5
Originariamente inviato da: acerbo
Ma pensa te, é proprio vero che l'economia di oggi é assolutamente imprevedibile, non avrei mai pensato che una startup neonata potesse acquistare di punto in bianco un marchio di riferimento come B&W, ma evidentemente "l'audiofilia" non rendeva cosi' bene come pensassi.
Immagino che adesso smetteranno di produrre speaker classici e si concentreranno sulle minkiate iperconnesse, io continuero' a godermi le mie CM9 S2 cablate ad un marantz PM6005, alla faccia delle cagate smart e multiroom.


ma sono un punto di riferimento nel settore, non credo che la smantelleranno come fece kenwood con infinity. b&w e' una forza nel settore e anche se non mi sono ben informato non mi risulta sia in difficolta' di bilancio, anzi.
Gnaffer04 Maggio 2016, 21:11 #6
Ammetto che la cosa mi spaventa e non poco

Originariamente inviato da: Ale55andr0
a causa della fortissima compressione dinamica voluta, non si sa perchè, dalle major del mondo musicale


C'è sempre un perchè... (vi consiglio di leggere anche alcuni link delle note a fondo pagina, parlano di alcuni aspetti interessanti). In sostanza hanno capito che più qualcosa suona forte più attira persone.. come le disco i club etc
Stormblast04 Maggio 2016, 23:13 #7
Originariamente inviato da: acerbo
Non ero assolutamente al corrente della crisi del hifi, deve essere l'ennesima vittima del made in china con etichette altisonanti come audio HD, super bass, hi res, airplay, aptx e cazzate varie.
Vabbé ce ne faremo una ragione, vedo tanta gente comprarsi le casse wifi bose e marshall che ho provato personalmente e che trovo RACCAPRICCIANTI, ma é vero pure che l'industria musicale ormai produce solo merda.
Per tanto tempo faro' ancora parte di quella nicchia di gente che ascolta dischi di 10/20 anni fà su impianti "vecchia generazione"


secondo me non è colpa del made in china etc etc... ma dipende più che altro dal fatto che gli amanti del genere, una volta comprate delle casse di buon livello, difficilmente le cambieranno a breve. Anche se esce una nuova versione. Conosco chi ha 801 e 802, e so per certo che se le porterà nella tomba. Poi si passa a nuovi acquirenti che come esigenza hanno tipo "quale impianto HT con max 400€?'
Ecco che marchi come B&W possono avere fasi di crisi.

ps. pure io ho CM9 (versione 1) collegate a elettroniche Krell, e a meno di vincere qualche lotteria resteranno al loro posto moooooolto a lungo
s-y05 Maggio 2016, 07:11 #8
curioso. sento anche un po' odore di 'acquisto del solo marchio' inteso proprio alla lettera, il simbolo. vedremo... in ogni caso il mercato audiofilo ha sempre avuto, almeno da dopo la cosiddetta era d'oro, regole tutte sue, e millemila 'guru illuminati'
supertigrotto05 Maggio 2016, 09:25 #9

meglio cosi

B e w ormai faceva prodotti scarsi,preferisco le AD che fanno a Brogliano/Castelgomberto dove fanno una produzione artigianale di altissima qualità,ho visitato la fabbrica e conosciuto il titolare (persona molto competente e cortese) e anche lui era del parere che le B e W erano diventate troppo "commerciali" come suono.Ormai l'alta fedeltà è roba da archeologi,pensate che c'è gente convinta che le bose suonano in modo eccellente e che sia la migliore marca in assoluto.Mission,Infinity,logan martin e altri saranno studiate dagli archeologi moderni come prodotto del leggendario homo acusticus!
acerbo05 Maggio 2016, 11:55 #10
Originariamente inviato da: supertigrotto
B e w ormai faceva prodotti scarsi,preferisco le AD che fanno a Brogliano/Castelgomberto dove fanno una produzione artigianale di altissima qualità,ho visitato la fabbrica e conosciuto il titolare (persona molto competente e cortese) e anche lui era del parere che le B e W erano diventate troppo "commerciali" come suono.Ormai l'alta fedeltà è roba da archeologi,pensate che c'è gente convinta che le bose suonano in modo eccellente e che sia la migliore marca in assoluto.Mission,Infinity,logan martin e altri saranno studiate dagli archeologi moderni come prodotto del leggendario homo acusticus!


Se parli di Bose con un audiofilo ti sputa in bocca, sono buoni prodotti ma assolutamente commerciali e comunque bose ha dei brevetti e fà dei concept molto particolari, di speaker "classici" ne fanno giusto un modello ad un prezzo quasi popolare.
A me il sound di bose non dispiace in generale, ma devo ammettere che é molto "colorato" e un purista di certo storce la bocca per quella presenza di bassi un po' troppo ingombrante.
Ho avuto il companion 5 per la sala dove avevo il computer ed attualmento ho il soundlink mini, due prodotti che onestamente ho trovato e trovo eccezionali, di certo non da audiofilo sia chiaro.
B&W produce casse dalle finiture high-end con prezzi che arrivano ad oltre 4.000 euro per una coppia di colonne, poi come tutte le casse bisogna vedere a cosa le coleghi, che musica ci ascolti e cosa apprezzaz il tuo orecchio, l'ascolto é sempre soggettivo.
Ho l'impressione che l'80% della gente abbia le orecchie foderate di coppa, tempo fà un collega mi racconta di aver preso un cassone blutooth della marshall di cui era entusiasta per il sound incredibile che riusciva a produrre, ci ho ascoltato un paio di dischi collegando lo smarthpone con un cavo jack e sono rimasto di sasso, suono impastatissimo e piu' provi ad equalizzarlo e peggio é, una roba che per me non vale manco 100 euro e che ha pagato 400.
Al giorno d'oggi si compra tutto in base alle review ( spessissimo false ) e ci si convince pure che il prodotto acquistato sia valido perché 120 persone hanno messo 5 stelle, mi chiedo la gente che mette 5 stelle ad un marshall woburn su che cazzo di sistema ascoltasse la musica il giorno prima

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^