Un giradischi nel 2017? Ecco un paio di proposte più che sensate

Un giradischi nel 2017? Ecco un paio di proposte più che sensate

I giradischi di oggi stanno al passo coi tempi e offrono funzionalità avanzate. Sony PS-HX500 e Teac TN-400BT sono due giradischi accomunati da diverse caratteristiche, ma che puntano su funzionalità differenti. Con la proposta Sony è possibile convertire i propri vinili in musica digitale ad alta qualità in PCM 24bit/192kHz, con quella Teac ascoltare i dischi in modalità wireless con cuffie e casse Bluetooth

di Roberto Colombo pubblicato il nel canale Audio Video
TeacSony
 
  • Articoli Correlati
  • Bowers & Wilkins P7 Wireless e P9 Signature: qualità in ascolto Bowers & Wilkins P7 Wireless e P9 Signature: qualità in ascolto Qualità è la parola d'ordine di queste cuffie Bowers & Wilkins: P9 Signature sono le perfette compagne per l'ascolto casalingo, mentre P7 Wireless offrono anhce la possibilità di ascolto in mobilità senza fili. Il costo è un po' elevato, ma la resa acustica è decisamente sopra la media. Ecco la nostra recensione, in cui raccontiamo anche dei redattori di Hardware Upgrade lasciati a bocca aperta dall'ascolto delle B&W P9
  • Sony MDR-1000x: musica senza fili e senza rumore Sony MDR-1000x: musica senza fili e senza rumore Sony MDR-1000X. Si tratta di cuffie con padiglione circumaurale chiuso, dotate di active noise cancelling digitale e connettività Bluetooth per l'ascolto di musica senza fili. Sony ha lavorato per offrire una migliore cancellazione dei rumori esterni rispetto al modello precedente su tutte le frequenze, ottimizzando sia l'eliminazione dei rumori a bassa frequenza sia quelli alle frequenze più alte
40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
oatmeal09 Agosto 2017, 21:00 #11
Originariamente inviato da: the_joe
Beh, quando l'hi-fi era solo vinile, i Technics erano poco considerati dagli audiofili, erano ottimi per i dj proprio per la trazione diretta che permetteva partenze immediate, ma per gli ascolti hi-fi tutti i produttori preferivano la trazione a cinghia con o senza disaccoppiamento dal telaio.


infatti, la trazione a cinghia resta ancora la più usata, soprattutto sugli hi-end
\_Davide_/09 Agosto 2017, 21:02 #12
Originariamente inviato da: NickNaylor
l'analogico "scalda" un sacco il suono, ovvio che il digitale sia più comodo ma con delle casse serie si sente tutta la differenza.

Sono tutte percezioni... Non è comunque fedele all'originale... Come hanno già detto è stato dimostrato e ridimostrato che il digitale è
decisamente superiore al "meccanico", che ha troppe limitazioni (per la maggiorparte di persone piacevoli!)
Originariamente inviato da: Bestio
Per me che posso contare su una collezione di vinili molto fornita (grazie ai miei genitori, notti e zii), molti dei quali introvabili (sopratutto in 24bit/96+kHz lossless) la funzionalità di poterli convertire in PCM 24bit/192kHz è molto interessante.
Uno perchè sappiamo benissimo che i vinili più li ascoltiamo e più si usurano (e se li teniamo a scopo collezionistico è un peccato) due perchè poi così possiamo anche ascoltarli fuori casa.


Ecco, in questo caso invece ne vedo l'utilità

(E quoto anche il resto del discorso!!!)
Luca198010 Agosto 2017, 07:29 #13
In effetti è imbarazzante che nel 2017 ci sia ancora chi sostiene che il vinile è superiore al CD. In parte lo giustifico col fatto che occhi e orecchie sono spesso propensi ad essere ingannati. Il vinile distorce e fa sembrare il suono più caldo, meno analitico, così come lo schermo CRT del televisore mitigava scalettature e differenze di colore, facendo sembrare un vecchio videogioco a 320x200x16 colori godibile. Provate a giocare allo stesso su un monitor moderno e lo troverete inguardabile.
Oppure provate a confrontare lo screenshot di un gioco moderno con una foto del monitor... paradossalmente non sembra migliore la seconda? Più smussata, più "calda"?
emanuele8310 Agosto 2017, 08:11 #14
Originariamente inviato da: Bestio


Ma il suono "caldo" non era legato agli amplificatori a valvole con distorsione intrinseca di seconda armonica (rispetto agli amplificatori digitali che distorcono di terza quinta e settima (evviva fourier)) facendo risultare il suono più appetibile alle orecchie umane?

dare al supporto analogico il merito di fare risultare il suono diverso ( a parte il fruscio, che imho la sua rimozione è stata un passo avanti per tutta l'umanità mi sembra un argomento usato solo dai filantropi per portare acqua al loro mulino.

come altri accennavano credo che se uno vuole ascoltare i vinili si devba fare un sistema audio analogico vecchio stile, lasciando stare le valvole ma vecchi ampli in classe A che consumano come ossessi ma almeno non distorcono spostando lo spettro ad alte frequenze.
Mindphasr10 Agosto 2017, 10:45 #15
Originariamente inviato da: fabcal2469
Infatti ha senso un 1200 Technics, ma questi due con trazione a cinghia persino! Ma siamo seri!!!


Difatti ti quoto.

Premettendo che il SL1200 è un mito (è la versione Gold è il mio sogno, anzi ne vorrei 2 in tavernetta ) ; cavolo.....almeno dal TEAC mi aspettavo una Trazione Diretta.

Ma ormai BT e porta USB fan di più che non una Trazione Diretta....
Alekz10 Agosto 2017, 11:21 #16

Dinamica

Se parliamo di dinamica il CD ha una 50ina di dB in più del vinile, il che vuol dire 100mila volte più dinamica, il problema non è il supporto ma come vengono realizzati i master.
La stragrande maggioranza degli album è sparato al massimo del volume, addirittura al limite del clipping e questo uccide la dinamica "originale", a quel punto potremmo perfino tornare alle musicassette se non fosse che si rovinano facilmente.
Sto parlando della famigerata loudness war.

L'unico modo è cercare di comprare supporti masterizzati meglio e consultare database in merito http://dr.loudness-war.info/.

Ora qual è la questione, è che il vinile a torto o a ragione è indirizzato a un pubblico "cultore" (non vorrei dire audiofilo) il che vuol dire che mediamente un vinile è masterizzato bene il che porta al paradosso che i vinili mediamente hanno una dinamica più elevata degli stessi album su CD.

Se non vi volete affidare ai "mediamente" date un'occhiata al database che vi ho linkato prima e nei confronti tenete presente che generi diversi hanno dinamica diversa, ad esempio la musica metal ha meno dinamica del jazz.
Mr660010 Agosto 2017, 11:38 #17
Si parla di giradischi come se TUTTI i giradischi su cui si monta un vinile fossero superiori ai CD.
Ci sono giradischi e giradischi, e la qualità d'ascolta dipende FORTEMENTE dal tipo di testina che montano.

Io l'ho visto nel mio piccolo, montando una testina AudioTechnica su un vecchio Pioneer PLX-512 che ho trovato in cantina. Il suono è diventato molto più dettagliato e chiaro, mentre prima risultava più impastato e "inscatolato".
Esistono testine come le Ortofon che costano più del giradischi (250-250€), e altre ancora che arrivano a prezzi folli (500-1.000€) e che promettono una qualità audio straordinaria.


Questo per dire che ridurre tutto il discorso a giradischi vs. CD, meglio o peggio, è un pò troppo semplicistico perchè la resa finale dipende da ogni singolo elemento attraversato dal segnale audio, a cominciare dalla sorgente il cui carattere può essere totalmente stravolto semplicemente cambiando la testina.


GG16710 Agosto 2017, 12:06 #18
Il suono del vinile è una goduria infinita che i cd non potranno mai restituire! Provare per credere, ovviemente utilizzando un ottimo giradischi, collegato ad un impianto di un certo livello.

La mia collezione di vinili (compresa la discografia dei Pink Floyd) sui miei 2 giradischi (un Thorens ed un Technics), è una di quelle cose che mi fa tornare il sorriso!..

PS: che senso ha trasformare i vinili in mp3?..
the_joe10 Agosto 2017, 12:38 #19
Originariamente inviato da: Alekz
Se parliamo di dinamica il CD ha una 50ina di dB in più del vinile, il che vuol dire 100mila volte più dinamica, il problema non è il supporto ma come vengono realizzati i master.
La stragrande maggioranza degli album è sparato al massimo del volume, addirittura al limite del clipping e questo uccide la dinamica "originale", a quel punto potremmo perfino tornare alle musicassette se non fosse che si rovinano facilmente.
Sto parlando della famigerata loudness war.

L'unico modo è cercare di comprare supporti masterizzati meglio e consultare database in merito http://dr.loudness-war.info/.

Ora qual è la questione, è che il vinile a torto o a ragione è indirizzato a un pubblico "cultore" (non vorrei dire audiofilo) il che vuol dire che mediamente un vinile è masterizzato bene il che porta al paradosso che i vinili mediamente hanno una dinamica più elevata degli stessi album su CD.

Se non vi volete affidare ai "mediamente" date un'occhiata al database che vi ho linkato prima e nei confronti tenete presente che generi diversi hanno dinamica diversa, ad esempio la musica metal ha meno dinamica del jazz.


A parte che tecnicamente, in fase di ripresa per sfruttare tutta la dinamica è auspicabile arrivare con i picchi di volume più in alto possibile senza comunque arrivare al clipping.
Oltre alla loudness war, c'è da considerare che con il crollo verticale del mercato hi-fi, oggi le registrazioni sono indirizzate a fruitori dalla bassa aspettativa sonora che ascoltano la musica attraverso le cuffiette degli smartphone in formato compresso, in questa ottica di ascolto suona molto meglio un brano dalla dinamica limitata e dallo spettro limitato soprattutto in basso visto che questi mezzi non hanno le capacità di produrre una ampia gamma dinamica e dei bassi profondi.
In conclusione un brano prodotto per essere riprodotto con gli smartphones come peraltro va per la maggiore oggi, suonerà in modo quasi osceno se riprodotto con un impianto di livello e viceversa un brano dalla dinamica ampia e a pieno spettro in uno smartphone produrrà solo un quantitativo di distorsione maggiore e metterà in crisi le cuffiette
.
oatmeal10 Agosto 2017, 12:48 #20
Certo certo, il cd ha la sua dinamica, la sua pulizia e tutto il resto. Posto che questa qualità sia comunque da ascoltare su un buon impianto ma il vinile ha ha quella timbrica unica che rende speciale un suono. Non parlo e non affermo che sia di qualità superiore rispetto ad un cd, non me ne frega nulla di tutto ciò. Dico solo che è così diverso che, per me, non potrebbero essere addirittura comparati.
Io preferisco il vinile, accoppiato ad un buon giradischi con una buona testina resta un piacere unico.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^