TV 4K HDR 75/70 pollici con tecnologia Quantum Dot: nuove punte di diamante per la gamma Hisense

TV 4K HDR 75/70 pollici con tecnologia Quantum Dot: nuove punte di diamante per la gamma Hisense

Grande formato e tecnologie avanzate, senza esagerare troppo coi prezzi: è questo il filo rosso che unisce le nuove proposte presentate da Hisense in ambito TV. A guidare il gruppo il modello UHD Premium NU9750 da 75 pollici, seguito dal fratello minore NU9700 da 70 pollici, entrambi 4K, HDR e basati su tecnologia Quantum Dot

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 17:41 nel canale Audio Video
Hisense4KHDR
 

Hisense, ha scelto la cornice di Barcellona per presentare tutta la gamma di televisori per il mercato europeo. Il marchio ha concentrato i suoi lanci qui nella città catalana, mettendo sul piatto, oltre ai nuovi frigoriferi, anche una nuova linea di telefoni sotto i 200 Euro, la serie Faith di cui vi abbiamo parlato in questa notizia e nel video che vi riproponiamo qui sotto.

[HWUVIDEO="2313"]Faith: i nuovi smartphone sotto i 200 euro di Hisense[/HWUVIDEO]

L'ampia diagonale è il leit-motiv delle nuove proposte e segue quello che è il trend consolidato in quello che attualmente è il più grosso mercato per i TV: il mercato cinese. Stando ai dati GFK oggetto di una delle presentazioni della convention, in Cina la diagonale media dei televisori venduti ha ormai superato i 50": l'Europa su questo dato è ancora ferma a un dato di circa 42" di media. Anche la penetrazione delle Smart TV è molto più elevata in Cina, per cui il mercato interno cinese rappresenta ormai per questi produttori non più solo una sbocco, ma un vero e proprio benchmark per studiare prodotti adatti al mercato globale e occidentale.

Hisense TV BCN

Non stupisce quindi che i nuovi televisori presentati da Hisense partano dai 50" di diagonale e si spingano fino ai 75", rimanendo nella gamma dei prezzi non esorbitanti.

Tornando ai dati rilasciati da GFK durante l'intervento, è interessante vedere l'evoluzione dei marchi del mondo delle TV in questi ultimi 50 anni. Negli anni '70 erano i marchi locali a fare la parte del leone nei diversi mercati europei. La decade successiva ha visto emergere poi marchi di respiro europeo, che sono stati in grado di crescere rapidamente in tutti i mercati, andando a erodere quote importanti a quelli locali. Gli anni '90 sono quelli dell'invasione dei marchi Giapponese arrivati quasi a monopolizzare il mercato, salvo poi trovarsi spiazzati all'inizio del secolo attuale dall'arrivo dei coreani. Ora lo stesso processo si sta ripetendo coi marchi cinesi. A livello globale Hisense è già il terzo produttore mondiale e con TCL punta a colonizzare in pochi anni le prime posizioni del podio.

"Tecnologia al giusto prezzo", è un po' questo il cavallo di battaglia dei produttori cinesi come Hisense, marchio che nel 2016 è riuscito a raggiungere la leadership nei TV di grande formato, anche grazie a una politica decisamente aggressiva sul formato da 75". Le nuove serie presentate ora per il mercato europeo si muovono sulle stesse note e vedono a guidare il gruppo il modello UHD Premium NU9750 da 75 pollici, seguito dal fratello minore NU9700 da 70 pollici.

Hisense NU9700

Non solo ampio formato, ma anche tecnologie avanzate per questi due modelli, che fanno leva su pannelli animati da tecnologia Quantum Dot, con risoluzione 4K e HDR. Questi due modelli integrano la tecnologia HDR Supreme, in grado di garantire picchi di luminosità fino a 1.000 nits (nel rispetto delle specifiche Ultra HD Premium). Questa tecnologia è presente anche sui modelli NU8700 (65/55 pollici) che utilizzano retroilluminazione LED Edge per ridurre al minimo lo spessore, pari a soli 8,9mm.

Si tratta naturalmente di Smart TV: in particolare condividono con gli altri nuovi modelli la rinnovata interfaccia Vidaa U, che dovrebbe garantire grande velocità operativa e compatibilità con tutti i formati e le app di streaming.

Anche TV N5700/N5750 (55,60 e 65 pollici) sono dotati di HDR, ma con picchi di luminosità inferiori e N6800 (50, 55, 65 pollici) ha maggiori miglioramenti con HDR Plus, basato su HDR 10. Nello specchietto qui sotto prezzi e disponibilità indicativi.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lucusta29 Marzo 2017, 19:19 #1
monitor monitor mooonitor monitor monitor monitor mmmmooonitor

mi serve un monitor. grande. 21:9 Q-DOT, HDR e magari freesync.

quanto ci mettono!
alegallo30 Marzo 2017, 09:46 #2
[OT mode ON] Fantastica la slide sui brands nei decenni, specialmente nel decennio fra il 1970 e il 1880 [OT mode OFF]

Sempre lì, mi sembra che i cari amici cinesi abbiano sottovalutato la potenza dei giapponesi.
Negli anni '80 Sony, Aiwa, Panasonic, Toshiba erano ben dentro ai mercati europei, e alcuni di loro già da prima
Mio padre, tanto per dire, comprò la prima radio a transistor del paese attorno al 1959-60: era una Sony
pipperon30 Marzo 2017, 10:33 #3
Originariamente inviato da: alegallo
[OT mode ON] Fantastica la slide sui brands nei decenni, specialmente nel decennio fra il 1970 e il 1880 [OT mode OFF]

Sempre lì, mi sembra che i cari amici cinesi abbiano sottovalutato la potenza dei giapponesi.
Negli anni '80 Sony, Aiwa, Panasonic, Toshiba erano ben dentro ai mercati europei, e alcuni di loro già da prima
Mio padre, tanto per dire, comprò la prima radio a transistor del paese attorno al 1959-60: era una Sony


In effetti e' interessante quanto errata.
Ci sono alcuni marchi com shenneiser o mivar che non meritano di apparire perche (pur apprezzando molto carlo vichi) non aveva neppure a livello continentale una presenza minima.
Con le dovute correzioni va letta cosi'

Negli anni 70 era difficile mettersi a produrre e svettavano marchi che avevano una forza di idee potente.

negli anni 80 molti marchi sono cresciuti (gruundig, ITT(nokia)) sulle ali del progresso.

Negli anni 90 la concorrenza jap dall'alto ( panasonic, sony(arrivata ufficialmente nel 1985)) e dal basso (funai, samsung, rimarchi come irradio) ha compresso i leader di mercato

nel 2000 i marchi alti hanno continuato a proporre tecnologia ma il dumping suglli LCD e i brand come samsung hanno speso fortune come marketing proponendo prodotti low cost con caratteristiche pseudo premium (fullhd dice nulla?) invadendo il mercato a 360 con, praticamente, lo stesso oggetto ma mostrato diversamente.
L'enorme contrazione delle vendite ha spinto gli innovatori a una battuta d'arresto se non al fallimento.
Gli schermi OLED, venduti dal 1999, o gli SLED (2003), verranno congelati insieme a TANTE cose e dissotterrati parzialmente solo dopo il 2014.

In questo marasma dove gli innovati sono defunti tutte le aziende si proclamano premium:
TCL (un signor nessuno che e' il 4to produttore mondiale e fa i tv di ikea)
Hisense (fabbricante di bidoni, numero uno in cina, che si e' comprato un pezzo di sharp)
Samsung(importatore di alimentari e assicuratore navale ricchissimo che si compra a randello tutti i cadaveri che ammazza, un pezzo di sharp e uno di philips comprese)
Lg ( azienda elettrotecnica che si e' pappata l'inventrice degli OLED, KODAK, dopo aver aiutato il killer)

E' ovvio che queste mezze cartucce possano tutte definirsi premium:
in un mondo di ciechi un orbo e' re.


un po' di storia
Consiglio di partire dall'inizio per capire l'evoluzione
http://allarovescia.blogspot.it/sea...bel/televisione
MikDic30 Marzo 2017, 11:02 #4
Pipper, devo ammettere c'è del vero in quello che hai scritto...
giamic30 Marzo 2017, 15:06 #5
Ma il NU9700 da 75" della slide in foto quanto costa?
stywar30 Marzo 2017, 19:31 #6
Originariamente inviato da: lucusta
monitor monitor mooonitor monitor monitor monitor mmmmooonitor

mi serve un monitor. grande. 21:9 Q-DOT, HDR e magari freesync.

quanto ci mettono!

Manca HDR, se ti accontenti hai trovato il tuo monitor.

http://www.samsung.com/it/consumer/.../LC34F791WQUXEN
pipperon03 Aprile 2017, 09:05 #7
Originariamente inviato da: stywar
Manca HDR, se ti accontenti hai trovato il tuo monitor.

http://www.samsung.com/it/consumer/.../LC34F791WQUXEN


vado a memoria ma mi sembra che il marchio non faccia qdod se non sul singolo colore. Dopotutto e' la marca delle etichette esagerate, come ampli da 1650W che consumano 40W, no?

Per me chidice di produrre il moto perpetuo o un enorme miracolo degno di bibbia&c non merita menzione.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^