LG Tone Free FN7: le cuffie true wireless che si puliscono da sole! La recensione

LG Tone Free FN7: le cuffie true wireless che si puliscono da sole! La recensione

Se fino ad oggi gli utenti Android guardavano con un po’ di invidia gli utenti Apple utilizzare i loro amati AirPods Pro, ecco che da qualche tempo possono giovarsi di prodotti per Android altrettanto validi. LG Tone Free FN7 sono tra questi e non solo per l’ascolto di musica di qualità e con cancellazione attiva del rumore ma anche perché hanno la sanificazione con raggi UV automatica. Ecco come funzionano. 

di pubblicata il , alle 18:41 nel canale Audio Video
LG
 

Le cuffie true wireless sono ormai un accessorio imprescindibile della vita quotidiana. Tutti i produttori di smartphone praticamente ne posseggono una versione se non più di una. Sì, perché effettivamente possono avere implementata la cancellazione del rumore attiva, passiva oppure non averla proprio. 

LG ha deciso di puntare anche in questo settore e lo scorso anno ha presentato le sue cuffie wireless LG Tone Free FN6 che permettevano, a differenza di altri, di sanificarsi in maniera automatica con il solo inserimento nella custodia grazie all’uso dei raggi UV. Ebbene sono arrivate la nuova generazione, LG Free Tone FN7, che non solo hanno mantenuto questa funzionalità decisamente comoda ma hanno aggiunto la cancellazione attiva del rumore che sembra funzionare molto bene. 

LG Free Tone FN7 costano 179€ e questo significa che hanno un prezzo identico agli AirPods di seconda generazione ma anche 100€ in meno rispetto agli AirPods Pro di Apple con cui possono essere confrontati assieme ai vari HUAWEI FreeBuds Pro ma anche alle OPPO Enco X, tutte comunque allo stesso prezzo delle LG. In questo caso però, come vedremo, nessuna possiede la sanificazione tramite raggi UV come invece avviene con le Free Tone FN7 di LG e questo per molti potrebbe essere un vantaggio. Certamente però, vi anticipiamo, che l’applicazione da smartphone deve essere migliorata perché non sempre immediata e soprattutto non localizzata in italiano. 

DESIGN

In termini di design, non c'è quasi nessuna differenza tra questa versione e gli auricolari Tone Free precedenti. L'unico cambiamento evidente è la piccola protuberanza nella parte superiore che funge da sensore tattile. Tutti gli altri dettagli rimangono invariati come un ergonomia molto semplice e minimale ma efficace una volta indossate alla finitura liscia. Non c'è nulla di appariscente nel design che ripropone uno stelo lungo, una doppia colorazione bianca e nera e una custodia sicuramente non troppo piccola nelle dimensioni ma comunque comoda per spessore non esagerato ma anche per la sua leggerezza. 

E proprio la custodia di ricarica e sanificazione in policarbonato delle Tone Free FN7 risulta resistente agli urti anche se in qualche modo i graffi sono un po’ all’ordine del giorno a causa della finitura completamente lucida. In questo caso l'area anteriore, sotto il coperchio, ospita un LED di stato e la parte posteriore ha una porta USB-C per collegare il cavo da USB-C a USB-A incluso nella confezione. Il cavo, a proposito, è convenientemente lungo, a differenza di molti cavi di ricarica forniti con gli auricolari. La custodia funziona anche in modalità wireless con caricabatterie certificati Qi.

Una volta aperta la custodia troveremo gli auricolari in posizione "supina" con il bulbo rivolto internamente. C’è il marchio Meridian che sappiamo ha collaborato con LG per la realizzazione delle Free Tone FN7, e poi fanno bella mostra i LED UVnano di colore violaceo che permettono appunto di sanificare gli auricolari ogni volta che vengono riposti nella custodia. Gli auricolari sono ben fissi alla custodia grazie ad alcuni magneti che li ricaricano anche nei punti di contatto sul loro lato interno sullo stelo.

Le due luci LED ultraviolette, una per ciascun auricolare si attivano per alcuni secondi quando il coperchio della custodia di ricarica viene aperto e funzionano continuamente quando la custodia viene caricata utilizzando la ricarica cablata e il coperchio è chiuso. In LG si dichiara che questo uccida il 99,9% dei batteri sui bulbi in silicone e sulle maglie degli altoparlanti degli auricolari se funzionante per dieci minuti. Vale la pena sottolineare che LG ha valutato la tecnologia solo per l'efficacia contro i batteri, quindi non è possibile aspettarsi alcuna protezione contro virus o altri tipi di impurità.

Gli auricolari sono resistenti all'acqua con certificazione IPX4 e questo significa che possono essere usati per fare allenamenti senza la preoccupazione di eventuali danni causati dall'umidità e dunque dal sudore. Presenti chiaramente anche tre diverse misure per i bulbi in silicone ipoallergenico che permetteranno di indossare al meglio gli auricolari. 

Cuffie che risultano decisamente comode nell’uso quotidiano a livello di ergonomia. Veloci da indossare ma anche molto stabili sul padiglione auricolare anche durante movimenti strani o situazioni di allenamento Leggere per loro natura, gli auricolari trovano facilmente posizione anche sulla custodia grazie all’utilizzo, come detto, dei magneti che li ritraggono velocemente alla loro posizione. 

FUNZIONALITA’ ed USO

Gli auricolari LG Tone Free FN7 offrono una solida cancellazione del rumore soprattutto in riferimento al prezzo di vendita. Lavorano bene nel permettere agli utenti di attutire ogni tipo di disturbo esterno grazie anche ad una conformazione dell’auricolare ben fatta una volta indossato. Sui medi e alti gli auricolari riescono a cancellare il rumore di conversazioni da bar come anche quelle del traffico stradale o anche il rumore di un treno. Da sottolineare il cambiamento di soppressione del rumore nel caso in cui l’auricolare venga posizionato in modo non completamente esatto nel padiglione auricolare. Nulla di preoccupante ma è possibile che a causa di questo si possa recuperare un po’ di cancellazione attiva. 

Sebbene gli LG Tone Free FN7 suonino molto bene è palese che la loro qualità e il loro modo di suonare debbano essere assimilati dagli utenti che magari potrebbero essere abituati ad altri tipi di suono con altri brand. Qui tecnicamente non c’è alcun codec Bluetooth avanzato supportato e questo significa che lo streaming audio ad alta risoluzione non permette differenze di qualità su questi auricolari. In tal caso le LG Free Tone FN7 sono pensate in gran parte per essere utilizzate con i servizi di streaming classici di moda in questi ultimi anni come Spotify e YouTube Music e le prestazioni sono dunque da considerare proprio in seno a tali strumenti. 

Tramite l’applicazione di LG Tone è possibile comandare tutte le impostazioni delle cuffie di LG. In questo caso l’app purtroppo non è realizzata, stranamente, in lingua italiana ma comunque è possibile riuscire a modificare le impostazioni degli auricolari anche in questo caso. C’è qui l’equalizzatore LG Meridian che permette di impostare 4 diversi preset di ascolto che spaziano dall’immersivo e dunque più coprente nei rumori esterni. Quindi la modalità Bass Boost per enfatizzare i bassi, quella Natural per avere un ascolto meno lavorato e ancora Treble Boost. Diciamo che la differenza non è così marcata tra i quattro preset ma con alcuni brani effettivamente è possibile avere qualcosa di più soft o più pesante nell’ascolto musicale. Possibile anche personalizzare questi preset con due modalità completamente editabili. 


Clicca per ingrandire

Dall’applicazione è poi possibile aumentare o diminuire il volume delle cuffie, cosa abbastanza strana che altri non fanno se non con il bilanciere del volume. Quindi vi è la possibilità di settare quelli che sono i comandi touch delle cuffie. Qui l’utente potrà settare ad esempio sulla cuffia destra o sinistra con un singolo tocco di riprodurre un brano, di stopparlo, di aumentare il volume o di diminuirlo e ancora di andare avanti o indietro con il brano musicale. Stessa cosa è possibile fare con il doppio tocco su entrambi gli auricolari permettendo le medesime istruzioni. Infine il triplo tocco che garantisce anche qui la possibilità di personalizzare al massimo le LG Tone Free FN7. 


Clicca per ingrandire

Per attivare o meno la cancellazione del rumore invece è necessario per forza passare dai comandi nell’applicazione. E questa è forse la cosa più noiosa e meno comoda di queste cuffie. Non è infatti possibile attivare l’ANC magari con un tap sulla cuffie ma solo agendo sui tre pulsanti all’interno della sezione apposita sull’applicazione che permettono di attivare la cancellazione, di bloccarla o di porre le cuffie in modalità "Ambient Sound" ossia capaci di lasciar trasparire ogni suono ambientale senza dover togliere le cuffie. C’è anche l’intelligenza artificiale presente nelle cuffie che permette automaticamente di capire i rumori ambientali e in caso di agire sulla cancellazione o meno del rumore. 

E non dimentichiamo che le cuffie supportano gli assistenti vocali come quelli di Google e di Siri (se accoppiate ad un iPhone). Qui basterà impostare il tocco sull’auricolare per richiederne uno e automaticamente sarà possibile interagire con esso per impartire i comandi. Niente di più semplice ed immediato. Oltretutto le cuffie permettono anche di leggere il testo degli SMS. 

AUTONOMIA

Sull’autonomia nessun problema perché le cuffie LG Tone Free FN7 rispecchiano proprio quelli che sono i dati definiti dalla casa. In questo caso usandole quotidianamente abbiamo ottenuto fino a 7 ore e mezza di ascolto continuativo della musica anche con l’attivazione della soppressione del rumore. Non vi preoccupate però perché una volta inserite nella custodia ecco che gli auricolari vengono ricaricati per essere riutilizzati ancora fino a più di 20 ore in totale. E molto comoda risulta la carica velocissima che permette in soli 5 minuti di avere un’autonomia fino a un’ora di ascolto. 

CONCLUSIONI

In un segmento, quello delle cuffie true wireless che offrono in gran parte lo stesso set di funzionalità, LG Tone Free FN7 di certo si possono distinguere per la presenza di un’automatica sanificazione degli auricolari tramite i raggi UVnano. Una funzionalità che potrebbe piacere a molti visto che nessun altro brand al momento ha pensato di integrare questa funzione nei propri auricolari. Un attenzione all’igiene personale che di certo non potrà non essere gradita a tutti. 

Il resto diciamo che si allinea con le cuffie true wireless presenti già sul mercato. Sono buone nell’ascolto della musica con preset poco differenziati ma con un buon volume di ascolto e soprattutto con una buona cancellazione del rumore attiva. L’ambiente in questo caso viene azzerato permettendo di ascoltare senza disturbo ogni tipo di brano musicale o di contenuto multimediale nel pieno controllo della musica. Non siamo a livelli elevati, qualitativamente parlando, ma è palese che per il prezzo a cui vengono venduti riescono appieno a risultare accondiscendenti a chiunque. 

Ci piace meno l’applicazione che intanto non è localizzata in italiano ma soprattutto non risulta completamente comoda nell’uso. Soprattutto nell’attivazione della cancellazione del rumore che non può essere impostata con un tap touch dall’auricolare ma per forza dall’applicazione Tone Free. Un peccato che rende più macchinoso il controllo degli auricolari. Per il resto però sono comodi da utilizzare, sono ottimi nei materiali, e sono anche belli e minimali da vedere. 

 

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
acerbo30 Marzo 2021, 19:43 #1
come il forno delonghi ...

https://www.youtube.com/watch?v=v5jXgZgmItM
pipperon31 Marzo 2021, 00:03 #2
e' interessante notare che si dilungano sui LED (LEd is the word, LED is the word, papapa)
ma solo un cenno all'immensa Meridian, non ad una LG qualsiasi, MERIDIAN...

Un po come se su una panda apparisse il logo nasa o airbus.
Io chiederei se e' solo un simbolo messo a caso come la panda Trussardi che e' persino piu' da sfixati (o hasselblad sulle webcam dei cellulari) oppure vi e' un trasferimento di knowhow .

A forza di comprare prodotti di medda cinokoreani mi sa che non avremmo piu' innovazione ma solo siglette. Del resto lo stop sull'AV e' evidente.
xxEmilioxx31 Marzo 2021, 11:12 #3
La "sanificazione" tramite uv è probabilmente la cosa più inutile del millennio, già presente sul modello precedente che per altri aspetti non era un prodotto malvagio. In parte l'ha riconosciuto la stessa lg che di fn6 produceva anche un modello senza sanificazione e ricarica wireless (fn4)...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^