Bose e il problema di TuneIn vs vTuner: l'utenza inferocita per le radio in streaming

Bose e il problema di TuneIn vs vTuner: l'utenza inferocita per le radio in streaming

Bose ha dovuto fare i conti con una situazione imprevista: il cambio di servizio per le radio via Internet sui prodotti Soundtouch ha portato gli utenti a una sommossa virtuale. E l'azienda ha promesso di rimediare

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Audio Video
bose
 

I cambiamenti unilaterali sono sempre problematici, in particolare quando portano a grosse modifiche nella fruizione dei prodotti che si è acquistato. L'hanno imparato a proprie spese gli utenti dei sistemi Bose SoundTouch: l'azienda ha infatti cambiato il servizio cui si appoggia per fornire lo streaming delle radio via Internet, lasciando così molti utenti senza accesso ad alcuni canali e più in generale con una qualità ridotta del suono e del servizio.

Il problema è nato quando Bose ha deciso di passare a TuneIn, un servizio che fornisce accesso centralizzato a radio via Internet. Rispetto al precedente vTuner, TuneIn fornisce un catalogo di radio più ridotto che esclude moltissime radio locali. Molti utenti hanno inoltre lamentato ritardi anche importanti nella trasmissione dell'audio, così come una qualità acustica molto bassa.

Dal lancio dell'aggiornamento, risalente al 20 novembre, Bose è intervenuta per due volte con aggiornamenti software ad hoc pensati per risolvere le ultime due problematiche. Il problema della quantità di radio nel catalogo di TuneIn rimane, però, irrisolto. L'azienda ha promesso di far sì che TuneIn aggiunga quante più radio possibili al proprio catalogo, ma questo può risolvere solo parzialmente il problema.

Alcuni utenti hanno richiesto sui forum ufficiali di Bose che quest'ultima desse la possibilità di ascoltare qualunque radio via Internet fornendo semplicemente l'URL dedicata e sembra che questa richiesta verrà esaudita. Sarà infatti possibile in futuro sfruttare questa possibilità aggiungendo delle radio al catalogo locale, così da poter - di fatto - ascoltare qualunque stazione senza dover necessariamente passare da TuneIn.

Le proteste insistenti degli utenti hanno dunque avuto successo nel far sì che Bose tornasse almeno parzialmente sui propri passi e rimediasse a una situazione in cui molti si sono trovati senza la possibilità di poter utilizzare il proprio prodotto per il fine per cui era stato acquistato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor29 Novembre 2018, 11:27 #1
E' il problema degli "ambienti chiusi". Si è presentatoanche - per esempio - con i giochi on-line e la chiusura dei relativi server.
Se il produttore decide di chiudere, ti trovi con un software (o dell'hardware) inutile o quasi.
L'ideale sarebbe che rilasciassero, in previsione della chiusura di un servizio, un aggiornamento o firmware che "apra" il prodotto a possibili nuovi servizi svincolandolo da quello per il quale sono nati...
dreambox29 Novembre 2018, 13:39 #2

Non esiste una versione android?

Questa vTuner non si trova in Play store di android! Non hanno una app installabile su android?
Erotavlas_turbo29 Novembre 2018, 18:33 #3
Originariamente inviato da: dreambox
Questa vTuner non si trova in Play store di android! Non hanno una app installabile su android?


Su firefox e chrome è disponibile questa estensione per ascoltare radio da tutto il mondo.
Inoltre, funziona anche su firefox per android. Chrome non supporta le estensioni nel mobile.
dr-omega01 Dicembre 2018, 00:22 #4
Anni fa acquistai la versione a pagamento di TuneIn perchè sembrava un'app valida, poi nel tempo si è inutilmente "ingrossata" senza portare effettivi miglioramenti (è pur sempre solo un collettore di radio streaming) ma appesantendosi e basta sui sistemi meno recenti, infine hanno introdotto una modalità di pagamento su abbonamento (per una radio?seriamente?) ed io pensai che sparisse per lasciare il posto ad altri prodotti concorrenti più validi, invece...
Ora me la trovo come standard "de facto", per sistemi Nas, IoT, ecc.
Per concludere voi mi dite che si sente pure male ed è più limitata rispetto a questa sconosciuta vTuner, per cui mi domando:

"Ma chi c'è dietro questa applicazione?"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^