Spotify Hi-Fi, in arrivo l'abbonamento con audio lossless

Spotify Hi-Fi, in arrivo l'abbonamento con audio lossless

Gli audiofili gioiranno alla notizia che sta trapelando in queste ore: Spotify sta infatti considerando un abbonamento Hi-Fi per gli amanti dell'alta fedeltà

di Nino Grasso pubblicata il , alle 14:31 nel canale Audio Video
Spotify
 

Chi ascolta determinati tipi di musica con impianti o cuffie di un certo livello non può accettare i formati compressi. I servizi di streaming audio vengono spesso utilizzati in mobilità quindi puntano ad offrire la massima qualità ad un costo adeguato in termini di banda usata, tuttavia l'audiofilo è di solito armato di attrezzatura molto costosa e non accetta compromessi. Questa tipologia di utenti viene coccolata solo da Tidal, per quanto concerne il panorama della musica in streaming, ma si potrebbe aggiungere ben presto un nome importante: Spotify.

Un piccolo numero di utenti del servizio svedese sta infatti ricevendo una notifica per una nuova opzione audio chiamata Spotify Hi-Fi in cui si leggono quelle che sembrano essere le caratteristiche di un nuovo piano ad abbonamento. Chi cerca di abbonarsi alla nuova proposta riceve però al momento un messaggio d'errore e non c'è modo di portare a termine le procedure. L'aggiornamento viene attualmente proposto a prezzi diversi ed è probabile che la società stia cercando di intuire, prima del rilascio ufficiale, a quale somma offrire l'alta definizione.

Si parte da 5 dollari fino ad arrivare a 10 dollari in aggiunta al piano Premium tradizionale, e non sono definite nemmeno le caratteristiche della nuova offerta. Nella notifica alcuni utenti ricevono solo la possibilità di ascoltare i brani in "qualità CD lossless", mentre altri una registrazione in vinile gratuita e sconti sull'acquisto di altre registrazioni in vinile in edizione limitata. La società ha ammesso di aver inviato le notifiche agli utenti, tuttavia non ha confermato piani sul rilascio della funzionalità: "Testiamo continuamente nuovi prodotti e offerte, ma non abbiamo notizie sull'argomento attualmente", ha dichiarato un portavoce della compagnia.

L'aggiunta dell'audio in formato lossless potrebbe dare a Spotify la possibilità di diventare profittevole, cosa che secondo i vertici avverrà entro la fine del 2017. Il servizio è in perdita da alcuni trimestri consecutivi per via del costo delle licenze e l'espansione della disponibilità del servizio che ad oggi conta oltre 40 milioni di utenti paganti. Con un'offerta Hi-Fi Spotify entrerebbe in diretta concorrenza con Tidal, servizio (molto più piccolo di Spotify) che si posiziona sul mercato come il migliore sul fronte della qualità audio sfruttando un formato lossless.

Ma è chiaro che Spotify vuole principalmente offrire un elemento di differenziazione in più rispetto ad Apple Music, che è il principale rivale nella categoria dello streaming musicale. In meno di 18 mesi il servizio di Cupertino ha superato i 20 milioni di utenti iscritti e sembra ancora in rapida crescita. Pare però che anche Apple voglia offrire lo streaming lossless sul proprio servizio musicale anche se anche in questo caso si tratta di indiscrezioni mai ufficializzate.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bestio02 Marzo 2017, 15:07 #1
Finalmente si ritorna a fare qualche passo verso la qualità!
Speriamo che un giorno potremo ascoltare anche brani in 24bit/96kHz...
songohan02 Marzo 2017, 21:22 #2
Originariamente inviato da: Bestio
Finalmente si ritorna a fare qualche passo verso la qualità!
Speriamo che un giorno potremo ascoltare anche brani in 24bit/96kHz...


Magari con le cuffiette fregate in aereo eh?!
Ton90maz02 Marzo 2017, 21:49 #3
Se solo si smettesse di mutilare la dinamica... è quello il problema peggiore
gianluca.f03 Marzo 2017, 09:11 #4
con un impianto da 600€ non è possibile sentire la differenza tra un mp3 a 160kbs e un flac, si comincia a percepire a 128 ma mettendosi davanti le casse, concentrati e ascoltando entrambe le tracce più volte.
Tutto il resto è onanismo mentale o meglio il peggior marketing di sempre.
red5goahead03 Marzo 2017, 09:49 #5
Da capire se i player desktop , per esempio io ho un Marantz, supporteranno questa nuova offferta. intendo via Spotify Connect
PS: io uso Groove Music Pass via Bluetooth Aptx
Bestio03 Marzo 2017, 12:40 #6
Originariamente inviato da: gianluca.f
con un impianto da 600€ non è possibile sentire la differenza tra un mp3 a 160kbs e un flac, si comincia a percepire a 128 ma mettendosi davanti le casse, concentrati e ascoltando entrambe le tracce più volte.
Tutto il resto è onanismo mentale o meglio il peggior marketing di sempre.


Io lo sento pure con un paio di casse monitor da 100€, vincendo diversi blind test con amici che non ci credevano.
Basta saper ascoltare.
Purtroppo però in era MP3 spesso anche la qualità di incisione di molti CD lascia parecchio a desiderare...
globi04 Marzo 2017, 01:09 #7
Di mia esperienza spesso si sente la differenza tra mp3 e CD anche con mediocri casse per PC, e si sente anche la differenza tra CD normale e contenuti high resolution audio, poi dipende anche dal tipo di musica e dalla qualità della registrazione originale, ci sono per esempio dei contenuti high resolution audio che hanno un suono deludente qualitativamente circa come quello di un CD normale, perché se la registrazione originale é troppo fiacca, piatta o é troppo pulita e manca di sfumature perché é stata modificata troppo dai sound engineer allora anche la versione mp3 non sembra molto peggio del CD e altrettanto la versione high resolution non sembra molto meglio del CD.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^