Netflix in cerca di traduttori per le proprie serie TV: 500 dollari a puntata. Ecco come candidarsi

Netflix in cerca di traduttori per le proprie serie TV: 500 dollari a puntata. Ecco come candidarsi

HERMES è la nuova piattaforma di Netflix che permette a chiunque di candidarsi come possibile traduttore delle serie TV o dei film trasmessi in streaming sul portale. Per ogni minuto l'azienda pagherà 12 dollari. Ecco come candidarsi.

di Bruno Mucciarelli pubblicata il , alle 18:21 nel canale Audio Video
Netflix
 

Netflix è in cerca di traduttori per i propri film e serie TV. E' quanto emerge dal lancio della nuova piattaforma HERMES per il reclutamento di personale da utilizzare nella traduzione dall'inglese all'italiano dei nuovi contenuti multimediali che l'azienda ha intenzione di portare sulla piattaforma. Ecco dunque che chiunque conosca l'inglese molto bene potrà candidarsi per essere assunto in Netflix, pronta ad espandere il proprio catalogo con sempre più contenuti destinati ad un numero sempre maggiore di mercati a livello internazionale dove è già presente in oltre 200 stati.

Come ci si può candidare per Netflix? Il tutto risulta quanto mai semplice visto che gli utenti che vorranno inoltrare la propria candidatura all'azienda non dovranno fare altro che registrarsi direttamente sul sito ufficiale di HERMES. In questo caso Netflix, come è lecito attendersi, pone dei limiti necessari per il ruolo di traduttore. In primis la necessità di avere un'ottima padronanza con la lingua inglese oltre alla capacità di tradurre in italiano le espressioni idiomatiche anglofone. Non è tutto perché si dovrà essere a conoscenza anche di come realizzare sottotitoli accettabili da un punto di vista tecnico.La candidatura consisterà anche nell'effettuare la traduzione di due filmati da concludere entro un'ora e mezza di tempo. In questo caso Netflix valuterà la prova con uno specifico punteggio che non potrà essere inferiore ad 80/100.

Una selezione chiaramente dura e quanto mai specifica che permetterà di standardizzare le procedure di selezione per tutti gli utenti che vogliono provare a candidarsi. E' chiaro che in tal modo tramite HERMES si eviteranno le annose e lunghe selezioni con l'analisi delle esperienze e certificati di difficile realizzazione in tutti i paesi in cui Netflix è attivo. L'azienda riuscirà invece a realizzare una prima importante selezione per poi valutare singolarmente ogni persona. Se i candidati riusciranno ad ottenere il punteggio richiesto potranno far parte della squadra di Netflix e in questo caso potranno lavorare alle loro traduzioni anche da casa con uno stipendio che in media si aggira sui 12 dollari al minuto che equivalgono a circa 500 dollari per ogni singola puntata di una serie TV.

56 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
AUTOMAN04 Aprile 2017, 21:03 #1
Per 500 dollari a puntata imparo pure il dialetto delle tribù Amazzoniche! Dov'è che ci si iscrive per il provino? :-)
rockroll04 Aprile 2017, 23:03 #2
Originariamente inviato da: AUTOMAN
Per 500 dollari a puntata imparo pure il dialetto delle tribù Amazzoniche! Dov'è che ci si iscrive per il provino? :-)


500 $ a puntata (45' in media) ovvero 12 $ a minuto sono un gran bel pagare, non ci piove.
E pensa che 12 euro in Italia molti non li guadagnano manco in un'ora, e qui te li offrono al minuto, 60 volte di più, lavorando da casa, e magari puliti o esentasse...! Veramente non è proprio così, perchè il tempo su cui si è pagati è quello di scorrimento del movie in tempo reale e non quello passato al computer per traduzione ed inserimento sottotitoli, ma se sei così bravo da riuscire a tenere il passo in Real Time... diventi davvero un riccastro. Però qualcuno riesce a fare qualcosa di simile più o meno bene (professionisti di traduzioni simultanee nei congressi e conferenze di lavoro).

Però hai idea di che livello di padronanza devi avere delle lingue dei paesi anglofoni (non solo Inghilterra)? Non so se bastano una quindicina di anni vissuti tra Gran Bretagna e Stati Uniti (oltre ad altrettanti vissuti in Italia).
Se non hai almeno questo tipo di esperienza capisci ben poco delle mezze frasi e parole smozzicate e delle espressioni più o meno popolari o locali per non dire dialettali pronunciate nei concitati eventi di un film, in particolare di azione, il tutto più o meno coperto da rumori di fondo o ambientali, magari aiutandoti con la comprensione di mimiche facciali e gestualità del corpo degli attori, oltre che con la previsione delle frasi che come logica ti aspetti che dicano, cosa che il nostro cervello preelabora istintivamente solo se sei in grado di pensare istintivamente nella lingua che ascolti.
E non basta, perchè il tradotto deve anche rispettare il sincronismo di una tempistica di esposizione e di leggibilità temporale dei sottotitoli inseriti (è notorio che le lingua inglese è assai più sintetica dell'italiana)!

Se te la senti, fai pure, io non ho i requisiti.
Armage05 Aprile 2017, 01:23 #3
ovviamente 500 euro a puntata non sono nemmeno vicini a 12 euro al minuto, non è pensabile tradurre 1 minuto in 1 minuto, sempre.
Ma rimane comunque un ottimo compenso, certo.
Syk05 Aprile 2017, 02:02 #4
Phase 5 (40 min limit per clip): For this final phase of the test, you will be asked to watch two short clips and translate the dialogue from English into your target language. you will be provided with the original English subtitles on the left side of the screen to help with the translations that you will be entering in the corresponding fields on the right side of the screen.
così non vale
giuliop05 Aprile 2017, 02:04 #5
Originariamente inviato da: Armage
ovviamente 500 euro a puntata non sono nemmeno vicini a 12 euro al minuto, non è pensabile tradurre 1 minuto in 1 minuto, sempre.
Ma rimane comunque un ottimo compenso, certo.


Ma infatti, siamo molto lontani. Io conterei almeno dieci volte tanto (10 minuti per tradurne uno): molto probabilmente ben di più, se devi fare un buon lavoro.
opelio05 Aprile 2017, 07:43 #6
Originariamente inviato da: rockroll
500 $ a puntata (45' in media) ovvero 12 $ a minuto sono un gran bel pagare, non ci piove.
E pensa che 12 euro in Italia molti non li guadagnano manco in un'ora, e qui te li offrono al minuto, 60 volte di più, lavorando da casa, e magari puliti o esentasse...! Veramente non è proprio così, perchè il tempo su cui si è pagati è quello di scorrimento del movie in tempo reale e non quello passato al computer per traduzione ed inserimento sottotitoli, ma se sei così bravo da riuscire a tenere il passo in Real Time... diventi davvero un riccastro. Però qualcuno riesce a fare qualcosa di simile più o meno bene (professionisti di traduzioni simultanee nei congressi e conferenze di lavoro).

Però hai idea di che livello di padronanza devi avere delle lingue dei paesi anglofoni (non solo Inghilterra)? Non so se bastano una quindicina di anni vissuti tra Gran Bretagna e Stati Uniti (oltre ad altrettanti vissuti in Italia).
Se non hai almeno questo tipo di esperienza capisci ben poco delle mezze frasi e parole smozzicate e delle espressioni più o meno popolari o locali per non dire dialettali pronunciate nei concitati eventi di un film, in particolare di azione, il tutto più o meno coperto da rumori di fondo o ambientali, magari aiutandoti con la comprensione di mimiche facciali e gestualità del corpo degli attori, oltre che con la previsione delle frasi che come logica ti aspetti che dicano, cosa che il nostro cervello preelabora istintivamente solo se sei in grado di pensare istintivamente nella lingua che ascolti.
E non basta, perchè il tradotto deve anche rispettare il sincronismo di una tempistica di esposizione e di leggibilità temporale dei sottotitoli inseriti (è notorio che le lingua inglese è assai più sintetica dell'italiana)!

Se te la senti, fai pure, io non ho i requisiti.


Ma che caspita dici. 15 anni? Mi è bastato un anno fuori per parlare, capire (e pensare) a livello di chi è madrelingua (perfino con gli scozzesi che sono incomprensibili) E come me, che non sono certo speciale, molti miei colleghi. Specialmente se si vive all'estero da molto giovani.
Vash8805 Aprile 2017, 09:01 #7
In un anno è impossibile arrivare a capire tutte le sfumature di significato a meno di non aver frequentato contesti internazionali fin da piccoli. Discorso diverso se si parla di traduzione verso l'italiano, lì il problema per la maggior è riuscire a produrre un testo in un buon italiano. La maggiorparte dei colleghi italiani che ho che pensano di avere un buon inglese sono a malapena passabili. Inoltre spesso usano parole dialettali con la convinzione che siano italiano standard. Anche dei laureati in interpretariato oltretutto.
cignox105 Aprile 2017, 09:05 #8
Passare il test potrebbe essere dura, ma poi la traduzione di per se, se a quanto pare ci sono giá i sottotitoli, non sembrerebbe esageratamente complicata: il 90% si traduce per conoscenze proprie, il restante ci si rifá a google :-)

Naturalmente, bisogna avere delle solide conoscenze di base, ma almeno non c'é il problema delle varie pronunce.
amd-novello05 Aprile 2017, 09:17 #9
un anno e un adulto parla e capisce come i madrelingua?


ahahahahaahahahahah
Vash8805 Aprile 2017, 09:27 #10
Originariamente inviato da: cignox1
Passare il test potrebbe essere dura, ma poi la traduzione di per se, se a quanto pare ci sono giá i sottotitoli, non sembrerebbe esageratamente complicata: il 90% si traduce per conoscenze proprie, il restante ci si rifá a google :-)

Naturalmente, bisogna avere delle solide conoscenze di base, ma almeno non c'è il problema delle varie pronunce.


Magari a wordreference...

Lo dico subito, ho una prima laurea in lingue e letterature straniere. Conoscenze linguistiche, Inglese e Giapponese, sicuramente proverò a fare il test per trovare un lavoro extra.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^