Recensione FiiO X5 III: l'alta qualità audio si fa portatile

Recensione FiiO X5 III: l'alta qualità audio si fa portatile

Il FiiO X5 III è un lettore musicale portatile che cerca di portare la musica di alta qualità anche nel mondo della mobilità. Quello che appare inizialmente come un controsenso si rivela invece, dopo l'ascolto, un valido compromesso tra la volontà di ascoltare musica di qualità e la possibilità di farlo anche senza un impianto completo dal costo ben più elevato.

di Riccardo Robecchi pubblicato il nel canale Audio Video
Fiio
 

Il mondo dei lettori musicali portatili sembrava destinato a morte certa con l'avvento degli smartphone. Se questo è (in parte) vero per i lettori MP3 dozzinali, il settore sta conoscendo una rinascita grazie all'avvento di lettori che utilizzano componentistica di qualità e sono in grado di leggere formati ad alta risoluzione. Il FiiO X5 III (noto anche come FiiO X5 3rd gen) è un lettore musicale portatile - o DAP, digital audio player - che sfrutta Android come sistema operativo e componentistica mutuata da soluzioni da scrivania.

Un premessa è ovviamente necessaria: per quanto il FiiO X5 III sia destinato a un pubblico audiofilo, non potrà mai - per ovvie ragioni - competere con soluzioni di dimensioni e prezzo maggiori. L'intento di questi dispositivi non è quindi tanto l'alta fedeltà in senso assoluto, ma una migliore qualità del suono anche in condizioni nelle quali un'altra sorgente non risulta disponibile. Il confronto con gli smartphone è infatti nettamente sbilanciato a favore dei DAP, grazie all'uso di componenti mediamente di livello più elevato.

FiiO X5 III

Il FiiO X5 III va ad aggredire il mercato puntando su due fattori: da un lato quello della qualità sonora migliore rispetto a uno smartphone, e dall'altro quello della comodità di un'interfaccia e di un'esperienza d'uso che sono identici a quelle di uno smartphone.

Sebbene relativamente ingombrante e pesante (114.2 x 66.2 x 14.8 mm per 186 g di peso), il FiiO X5 III è comunque facilmente riponibile in qualunque tasca e non fa sentire più di tanto la sua presenza. Parte del peso è dovuta all'impiego dell'acciaio inossidabile per la costruzione del telaio, che viene abbinato al vetro per fronte e retro del dispositivo.

Le linee adottate da FiiO rendono il X5 III un dispositivo dal design decisamente appariscente, che si discosta nettamente da quello adottato per smartphone e simili dai principali produttori. Linee dure, nette e angoli non smussati sembrano usciti da un quadro futurista. Particolare è il lato sinistro, che ha una protuberanza dove trovano posto anche i tasti (indietro, avanti, play/pausa) e la rotellina per la regolazione del volume.

FiiO X5 III

Il lato destro ospita invece il tasto di accensione e spegnimento e due slot per microSD (ciascuna con capacità massima di 256 GB); il lato inferiore è sede dell'uscita jack da 3,5 mm, dell'uscita jack da 2,5 mm bilanciata, della porta micro-USB e dell'uscita digitale.

La confezione include il lettore stesso, due custodie (una in silicone trasparente e l'altra in finta pelle), un cavo micro-USB, un convertitore da jack da 3,5 mm a coassiale e manualistica varia. La dotazione di base appare quindi completa e ricca.

Le specifiche tecniche sono ridicole se paragonate a quelle di uno smartphone: il processore è un Rockchip RK3188 (quad-core Cortex-A9 lanciato nel 2013), la RAM è di appena 1 GB, la memoria interna è di 32 GB (di cui circa 25 GB disponibili) e il sistema operativo è Android 5.1.1 Lollipop. Questo però ha un'importanza relativa, perché l'esperienza utente è comunque rapida e fluida a sufficienza.

Ciò che più importa, però, è che il DAC è un AKM AK4490EN, impiegato anche su prodotti ben noti come lo Schiit Modi 2 e qui adottato in configurazione doppia. L'amplificazione è affidata a chip di Texas Instruments, nello specifico a due OPA1642 e a due OPA426modificati su specifiche di FiiO. Proprio questi elementi sono alla base della migliore qualità del suono rispetto a uno smartphone: in quest'ultimo caso la qualità non è spesso la priorità e i produttori si affidano a DAC e amplificatori dal basso costo che offrono un suono al più discreto. Un DAP è quindi frutto di un compromesso maggiormente sbilanciato, però, per favorire le specifiche sonore.

FiiO X5 III

Il FiiO X5 III supporta cuffie da 16 Ω a 150 Ω, con 480 mW di uscita a 16 Ω. I formati supportati vanno dai classici MP3 fino a FLAC a 24 bit e 384 kHz, passando per DSD (DSD64 e DSD128), WAV, APE e ALAC.

Il dispositivo è stato provato con varie cuffie: tra le altre si segnalano le Venture Electronics Monk Plus, le Venture Electronics Asura 2.0, le Meze 99 Classics, le RHA T20i e le HiFiMAN RE-00.

L'esperienza d'ascolto restituisce un suono pulito e preciso, con un ottimo controllo dei bassi e medi molto chiari e in primo piano. I bassi vengono leggermente accentuati, il che rende il suono vagamente caldo. I medi sono ricchi, naturali e dettagliati, mentre gli alti hanno un buon livello di dettaglio e non presentano particolari picchi, risultando quindi piacevoli e mai affaticanti.

La separazione degli strumenti è di ottimo livello, così come la presentazione della scena sonora. Se è vero che il FiiO X5 III non riesce comunque a eguagliare prodotti dal prezzo più elevato e pensati per un uso stanziale, è anche vero che offre prestazioni degne di nota per essere un dispositivo portatile. Il rimpianto per soluzioni più "audiofile" è ridotto, se si riesce ad accontentarsi.

Una caratteristica interessante, inoltre, è la possibilità di utilizzare il dispositivo come DAC e amplificatore quando collegato a un PC, bypassando quelli integrati. Una soluzione interessante per avere audio di buona qualità anche su un computer senza dover ricorrere a schede audio esterne, spesso lontane dall'ideale in condizioni di mobilità e di qualità sonora comunque inferiore.

[HWUVIDEO="2417"]FiiO X5 III, Android è anche sui lettori musicali[/HWUVIDEO]

Una pecca non da poco è la durata della batteria, di appena 5 o 6 ore anche utilizzando file FLAC a risoluzione standard (16 bit, 44,1 kHz) e nonostante la capacità di ben 3400 mAh. Una nota positiva è, però, la presenza dello standard Quick Charge 2.0 che permette di ricaricare in circa un'ora e mezza il dispositivo.

Nel complesso il FiiO X5 III si rivela un valido prodotto, con specifiche tecniche di buon livello e prestazioni degne di nota. Tallone d'Achille è il software, che necessita ancora di raffinamento e di sistemazione di qualche problema. Costruzione impeccabile, suono piacevole e ricchezza di funzionalità fanno del FiiO X5 III un prodotto valido e completo, il cui prezzo pari a 449€ appare in buona parte giustificato.

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jepessen13 Ottobre 2017, 17:33 #1
Ottimo prodotto, ma la durata della batteria e' un gravissimo difetto a mio avviso. Lettori della stessa fascia (magari non stessa qualita') hanno autonomie decisamente superiori.
marco_iol13 Ottobre 2017, 20:43 #2
Aggiungo che già con un Fiio X1 (dal prezzo decisamente più abbordabile) e un paio di cuffie buone si ha a disposizione un lettore audio di qualità decisamente superiore a qualsiasi smartphone.
andry1813 Ottobre 2017, 21:24 #3
5-6 ore in effetti sono veramente uno sputo
alethebest9014 Ottobre 2017, 08:49 #4
Uso ancora un cowon s9 da anni ormai, batteria ancora al top, dura ore e ore anche se viene utilizzato quei pochi mesi all'anno quando vado in vacanza....certo l'esperienza d'uso è ormai era preistorica (touch poco sensibile, uno dei primi schermi amoled, risoluzione bassa e schermo piccolo), ma la qualità del suono è ottima e non ha nulla da invidiare
marchigiano14 Ottobre 2017, 12:23 #5
Originariamente inviato da: marco_iol
si ha a disposizione un lettore audio di qualità decisamente superiore a qualsiasi smartphone.


sarebbe da confrontare a quella manciata di smartphone con sezione audio esterna al dac integrato nel soc, mi vengono in mente alcuni sony, LG, xiaomi, lenovo....
Marko#8815 Ottobre 2017, 00:39 #6
Originariamente inviato da: marco_iol
Aggiungo che già con un Fiio X1 (dal prezzo decisamente più abbordabile) e un paio di cuffie buone si ha a disposizione un lettore audio di qualità decisamente superiore a qualsiasi smartphone.


Presente
Nautilu$15 Ottobre 2017, 14:59 #7
So poco su questi aggeggi...... Con questo o con altri, è possibile in wifi collegarsi alla musica presente su un nas?
Legge anche le ISO dei SACD?
marco_iol15 Ottobre 2017, 18:09 #8
Originariamente inviato da: Marko#88
Presente


Io lo utilizzo spesso con i FiiO EX1 e la resa è molto buona.
junkman198016 Ottobre 2017, 02:20 #9
Anch'io confermo la bontà del Fiio X1. Accoppiato alle klipsh X10, impatto sonoro è spettacolare, soprattutto considerando la spesa totale e le dimensioni.
Surrucagnolo16 Ottobre 2017, 05:23 #10
Mi piace che avete implementato recensioni di dispositivi di questo tipo, bravi!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^